\\ Home Page : Articolo : Stampa
SIGNORI,QUESTO E IL CALCIO. UNA BRUTTA ITALIA BATTE PER 4-3 UN GRANDE GIAPPONE E SI QUALIFICA
Di Admin (del 20/06/2013 @ 01:08:35, in CONFEDERATION CUP, linkato 1044 volte)

                                                 

 

 QUESTO E' IL CALCIO !!!  A RECIFE UNA BRUTTA ITALIA SI QUALIFICA PER LA SEMIFINALE DELLA CONFEDERATIONS CUP BATTENDO 4-3 UN BEL GIAPPONE. ITALIA SEMPRE IN SOGGEZIONE DAL PUNTO DI VISTA FISICO E DEL GIOCO.

SOLO L'ORGOGLIO SALVA GLI AZZURRI MA ZACCHERONI HA DATO UN GRAN BEL GIOCO AL GIAPPONE.

A Recife,capitale dello stato del Pernambuco va di scena Italia-Giappone per la seconda giornata del girone A di questa Confederations Cup.Una città di oltre un milione e mezzo di abitanti situata nella zona nord est del Brasile.Zaccheroni tecnico degli orientali che già si sono qualificati per i prossimi mondiali ha ricevuto pesanti critiche dopo la dura sconfitta subita nella gara inaugurale contro il Brasile e c’è da scommettere in una risposta orgogliosa da parte dei propri giocatori.

 I primi minuti della gara vedono un Giappone molto agguerrito,veloce e con un intenso pressing.Il fraseggio nipponico è veloce ed il predominio netto.I tifosi carioca cominciano a fare il tifo per la squadra di Zaccheroni ed a mugugnare ogni qual volta gli azzurri toccano palla.Solo a Balotelli sono riservati incitamenti ed approvazioni

.Un colpo di testa di Maeda è parato da Buffon dopo che Chiellini era stato sorpreso.L’Italia è schiacciata in area e subisce.Tiro di Endo fuori, poi è Kagawa che scalda i pugni a Buffon.Al 20 un errato disimpegno difensivo di De Sciglio costringe Buffon all’uscita .Il contatto con l’avversario avviene dopo il tocco sul pallone ma la decisione dell’arbitro argentino Aral è severa.Calcio di rigore e giallo per il portiere.Honda ,è il 21’ trasforma con un tiro neppure irresistibile alla sinistra di Buffon che si insacca vicino al palo.

L’Italia ha un centrocampo arruffone e Prandelli fa uscire Aquilani ed inserisce la “ formica atomica” Giovinco.Al 31’ in fase difensiva una uscita imprecisa di Chiellini favorisce una girata rapida e vincente di Kagawa che batte imparabilmente con un forte tiro Buffon.Incredibile ma vero.Il Giappone è avanti di due gol!

 Subiamo anche gli olè del pubblico ad ogni tocco di palla giapponese

.Gli urlacci di Prandelli a qualcosa servono.Il finale di tempo è tutto azzurro e porta al bel gol di testa di De Rossi su calcio d’angolo battuto alla sua maniera da Pirlo.Il Giappone si sgonfia e gli azzurri sfiorano al 46’ il pari con una bella girata di Giaccherini che colpisce il palo

Onestamente il vantaggio nipponico per il gioco mostrato è giusto. Intanto inizia piovere su Recife e sul campo iniziano i fuochi di artificio.Il Giappone sembra essersi sgonfiato.Al 5’ fa tutto Giaccherini salvaguardando e recuperando un pallone proprio sulla linea di fondo con cross in area ed intervento sciagurato di Uchida che spaventato dall’accorrere di Balotelli scaraventava nella propria porta. 2-2 Solo un minuto dopo rigore per gli azzurri causato da un tocco col braccio di Hasebe che si becca anche il giallo.Ovviamente va al tiro Balotelli che con il suo 19’ rigore consecutivo a segno porta in vantaggio gli azzurri. 3-2 Insomma in soli 12’ l’Italia ha colpito un palo e fatto tre gol.Il Giappone sembra a terra.invece da qui al termine gli uomini di Zaccheroni prendono di nuovo in mano le redini del gioco dominando fisicamente in ogni parte del campo.Sappiamo com’è il calcio.Maeda spreca, Prandelli immette forze fresche con Marchisio al posto di Giaccherini.Al 24’ il Giappone pareggia con un gol molto bello di Okazaki: un colpo di testa imparabile su palla inattiva superando il contrasto di Montolivo.E siamo 3-3.

.L’Italia è in ginocchio e non tiene un oallone.Honda spreca il 4-3 sparacchiando addosso a Buffon.Un tiro di Hasebe termina di pochissimo alto.Zaccheroni vuole vincere ed inserisce un attaccante Havenaar ed esce Maeda.Il finale è al cardiopalma tra pali e gol annullati per fuorigioco

.Come accade spesso nel calcio la squadra assediata può avere un colpo d’orgoglio,di classe, di fortuna che sconvolge la situazione.Accadeproprio questo nel finale ed è un gol di Giovinco servito da Marchisio a dare la vittoria per 4-3 all’Italia ed anche la qualificazione per le semifinali di questa Confederations Cup.La gara di domenica contro il Brasile sarà importante solo per il primo posto nel girone col Brasile in vantaggio nella differenza reti.

Certo che onestà vuole che si dica questo: il Giappone di Zaccheroni ha fatto una grande parita e come minimo non meritava di perdere.All’Italia si deve riconoscere la giusta dose di orgoglio ma lo stato psicofisico non è dei migliori.