\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere: OCCHIO! OCCHIO! ANCHE VINCERE IN TUTTE LE REGIONI POTREBBE NON BASTARE A SALVINI! LO SPETTRO SECONDO INCIUCIO ALEGGIA SUL PALAZZO L’OMBRA PESANTE DI DRAGHI GIA’ VOLTEGGIA!
Di Admin (del 26/10/2019 @ 18:56:20, in Critica politica, linkato 60 volte)


Lo stesso Matteo Salvini ha fatto chiaramente intendere che a meno di altre “alzate d’ingegno del solito Renzi “ il cammino per tornare a governare per Lega e centrodestra dovrà passare per la vittoria in tutte le prossime elezioni regionali previste da domani a metà del prossimo anno.

 Una lunga camminata impegnativa fatta di centinaia di comizi e comizietti in giro paese per paese,città per città.

Salvini ci si è abituato, anche se ha ricordato lui stesso la pressione arteriosa a 180 recentemente riscontratagli, lo costringe a qualche “pillolina” da prendere.

 Guarda un po’ cosa si è dovuto inventare “il capitano” mentre ad inizio agosto sembrava avere in mano il Paese e mentre il solito Renzi già inciuciava tra simboli depositati e richiami da fringuello

. Abbandonato il potere perché i 5 Stelle non gli avrebbero mai consentito di portare a termine il programma di Governo avendolo capito già da tempo ma soprattutto dopo il voto grillino favorevole alla von der Leyen al Parlamento europeo

 Si inizia la traversata del deserto partendo dall’Umbria ( poco più di 700 mila votanti ) test significativo sia perché il primo dopo L’OSCENO GOVERNO nato col ribaltone ,sia perché la regione è rossa da sempre.

 I sondaggi per quello che valgono danno in vantaggio il centrodestra anche se son sicuro che se sconfitta di poco l’accozzaglia grillino-sinistrorsa,alzerebbe lo stesso la cresta magari riproponendosi come alleanza sia pure innaturale, per le successive prove in Emilia e Calabria.



Comunque sia in Umbria il “furbo” di Renzi non si è fatto vedere.Non ci ha messo la faccia.E’ troppo impegnato a “raccattare” migranti ( parlamentari n.d.r.) da sinistra e da destra ,illusosi di essere il MACRON di Rignano. Ed allora i dietrologisti, arte massima in questo Paese sono all’opera per descrivere possibili scenari a breve per il Governo Conte 2.

 Un Premier in difficoltà col caso Russiagate ( e se fosse per Fox News sarebbe già stato fatto fuori…ma si sa ,da noi non abbiamo tale giornalismo d’assalto..siamo tutti o quasi allineati nel SOPIRE,NASCONDERE,SILENZIARE..)

Ma ai “piani alti” si conoscono le difficoltà di Conte e anche per “creare zizzania” ecco che si inizia a ventilare una possibile discesa in campo di un “pezzo grosso” di colui che più di ogni altro ha combattuto in EUROPA lo STRAPOTERE DEL PENSIERO FINANZIARIO TEDESCO. Cioè a dire MARIO DRAGHI ora libero di scendere in campo



.L’eventualità di un Draghi che prendesse il posto di Conte in caso di difficoltà nel Governo ,sarebbe pesante per il cammino di “reconquista” iniziato da Salvini

 Un Mattarella alle prese con un’altra eventuale crisi di Governo che direbbe di fronte a forze politiche che presentassero il nome di Draghi?

 Un Draghi contrapposto ad un Salvini anche vittorioso alla Regionali? Non ci sono dubbi.

ALTRO MOSTRUOSO INCIUCIO. E NESSUNA ANDATA AL VOTO !