\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere: MILAN, CON INZAGHI RIPARTE IL CAMMINO VERSO UN POSTO CHAMPIONS OBIETTIVO SOCIETARIO PER IL 2014/2015
Di Admin (del 09/06/2014 @ 22:57:16, in Calcio Milan, linkato 893 volte)

 

Sarà l’uomo giusto?

 

 Sarà Filippo Inzaghi l’uomo che riporterà in alto i colori rossoneri dopo un anno di pessimo calcio?

 Di certo più di Seedorf ci sarà da fidarsi.

Differenti gli approcci alla vita,differente il modo di pensare.Grande campione l’olandese ma con atteggiamenti per nulla pemeati dal classico dubbio che attanaglia i latini,quelli che hanno tirato la carretta per sopravvivere e poi vincere.Mentalità protestante non mediterranea.

E’ stato un errore di Berlusconi e negli ultimi anni non è stato l’unico.Anzi,di errori clamorosi nell’ultimo Milan se ne contano molti

Il più grave di tutti è stato di Allegri che ha ritenuto finito un giocatore come Pirlo che ha partecipato da primo attore ai tre scudetti della Juventus !

Poi in prima persona ci sono stati quelli di Berlusconi che quando Galliani aveva ceduto Pato e preso Tevez ,fece saltare tutto per la nota vicenda “amorosa” del brasiliano con la figlia Barbara.

Anche l’insistenza nel trattenere l’inutile e costosissimo Robinho non si è capita.

 Il risultato è stato che il Milan nonostante una discreta rimonta nel girone di ritorno con Seedorf alla guida,ha fallito anche il minimo obiettivo dell’Europa Legue.( che avrebbe egualmente raggiunto.visto il caso Parma- solo se avesse vinto per 4-1 invece che per 2-1 col Sassuolo nella gara di chiusura..).

Seedorf che ha altri due anni di contratto è stato esonerato e quindi diverrà ancor più ricco,mentre Inzaghi ha già fatto professione di umiltà.

Proviene dal settore giovanile dove si è ben comportato vincendo un Torneo di Viareggio ed ora ha un contratto di due anni con la prima squadra dei rossoneri

.Inzaghi 41 anni è alla sua prima esperienza da allenatore e sarà molto interessante seguirlo nel campionato ,unico vero impegno del Milan che è fuori dall’Europa.

Ricordando che la Società deve rafforzare la difesa (imperativo categorico ) e sciogliere il “nodo” Balotelli.