\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere.PER UN GIORNO TORNIAMO AI VECCHI SANTI..LA CRISI EVIDENTE CONDITA DA POCHEZZA TECNICA DEL MILAN DI OGGI CI IMPONE UNA RIFLESSIONE
Di Admin (del 30/09/2019 @ 17:15:04, in critica calcistica, linkato 67 volte)

Mentre stanno per infinocchiarci con la storia dell’IVA da sterilizzare e mentre continuano gli sbarchi più o meno fantasma e bene accolti in Sicilia,oggi voglio per una volta tornare all’antico.

Parlare di sport. Parlare di Milan.   



Ricordo con terrore essendo sempre stato milanista fin dai tempi di Dino Sani ( sicuramente pochi ricorderanno di chi si tratti ) tutte le angosce e le frustrazioni dopo sconfitte decisive come ad esempio quella di Verona, quel 5-3 che costò lo scudetto all’ultima giornata.

 Oppure quel paio di scudetti letteralmente RUBATI dalla Ditta Lo Bello padre e figlio in tempi di riveriana memoria ed oltre.Poi l’avvento di Sacchi e di quella stagione milanista IRRIPETIBILE col trio olandese e con comprimari decisivi come Colombo ed Evani.

Cioè a dire la squadra più forte ( durata poco,però ) che mai abbia calcato i campi di gioco nel mondo.Le angosce cartilaginee di Van Basten e la sua prematura uscita di scena hanno chiuso il discorso del tifo.Dopo Marco altra storia…

Appare quindi d’obbligo DOPO LO SCEMPIO DI IERI SERA CONTRO LA FIORENTINA riparlare dei rossoneri.BENISSIMO HANNO FATTO I TIFOSI AD ABBANDONARE ANZITEMPO LE TRIBUNE.

Osceno fu lo scorso campionato a livello di gioco,terrificante ed ignobile l’avvio di questo.Già con la proprietà cinese non ci fu modo di sollevarsi dall’anonimato,con questa del finanziere americano Singer siamo piombati nel nulla.Un nulla allestito,vagliato,valutato da due di quegli uomini che proprio di quel Milan di cui si parlava fecero parte.Maldini e Boban

.Nessuno nella rosa è all’altezza della situazione.E parlano di quarto posto come obiettivo inderogabile!!

E parlano di nuovo stadio naturalmente a capienza inferiore all’attuale San Siro ma con centro commerciale in più!
violanews.com

Hanno elevato un normale e dignitoso allenatore,il Giampaolo a chissà quali vette, naturalmente a stipendio doppio rispetto a quello percepito a Genova.La sua carriera in Serie A come allenatore parla di 276 panchine con 84 vittorie 71 pareggi e 121 sconfitte. A me non pare un grande curriculum , ma si sa quando la stampa spinge…


 La sintesi dell’operazione: 4 sconfitte nelle prime 6 giornate cosa che non avveniva dal campionato di Serie A 1938/39 con i rossoneri che all’epoca si chiamavano Associazione Calcio Milano e che alla fine del girone di andata si trovarono ULTIMI in classifica con retrocessione evitata solo grazie  all’esplosione di Boffi come cannoniere, autore di 19 gol.




 Ieri sera è stato sufficiente un campione allo stadio finale come Ribery a mettere a soqquadro assieme a Chiesa l’intera difesa rossonera nella quale Musacchio ha fatto una figura da dilettante.

 In genere quando mal si comincia…e poi come fare a levare sangue da delle rape?

Prevedo tempi neri per il tifo rossonero.