\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:A FUROR DI PD E DI PREFETTURE RIPARTE LA MANGIATOIA LEGATA ALL’IMMIGRAZIONE S ALVINI E’ FURIOSO ED HA PIENA RAGIONE SI POTREBBE TORNARE AI 35 EURO AL GIORNO A PERSONA RIECCO PANTALONE CHE PAGA!
Di Admin (del 06/02/2020 @ 21:41:16, in Critica politica, linkato 120 volte)



Mentre va in scena SANREMO giorno N° 3 di cui ribadisco che non me ne può fregare di meno,ecco CHE RIPARTE LA MANGIATOIA LEGATA ALL’IMMIGRAZIONE.


 Bandi prefettizi deserti perché sono pochi gli euro a testa destinati ai Signori ospiti in strutture cooperativistiche o private che siano riconvertite all’uso



Salvini con i decreti sicurezza aveva stroncato l’affare gettando nel panico tutte quelle migliaia di strutture nate ad hoc che si occupavano non solo di alloggio e vitto ma anche di sostegni di ogni tipo per una giornata da nulla facenti il più possibile gaia e spensierata.

A SPESE NOSTRE NATURALMENTE.


 Ci hanno rimuginato un pochino poi L’ONDA LUNGA si è riunita in un’ONDA GIGANTESCA dove rossi.verdi.gialli e bianchi hanno visto scemare l’affare e si sono coalizzati non rispondendo più ai bandi prefettizi.

 Ovvio che con Salvini fuori dai giochi l’hanno avuta vinta,facilmente, anche.

L’ex Ministro dell’Interno Salvini aveva tagliato da 35 a 19-26 euro al giorno il rimborso per ogni ospite nelle strutture di accoglienza.Da qui il risultato che molti bandi lanciati dalle Prefetture sono andati deserti.Il Ministro Lamorgese prende atto e sembra voglia rimediare tornando all’antico in modo tale che i nuovi bandi siano appetibili per gli “affaristi”.


 I richiedenti asilo così potranno contare di nuovo su cifre più alte rispetto a quanto avviene ad esempio in Francia (25 euro al giorno ) o in Germania ( 26 euro ) o in Austria (23 euro ) In quella cifra sono compresi beni e servizi essenziali. Appare evidente che quei 10-12 euro in più garantiti dall’Italia hanno fatto si che sorgessero come d’incanto VOLONTARI DELL’ACCOGLIENZA che altro non erano che affaristi belli e buoni .



Tanto è vero che molte strutture alberghiere traballanti ed in punto di chiusura sono sorte a nuova vita grazie all’affare dei richiedenti asilo. 35 euro al giorno per: servizi di ingresso (identificazione); servizi di pulizia personale e dell’ambiente; erogazione di pasti; fornitura di beni di prima necessità (lenzuola, vestiti ecc.); servizi di mediazione linguistica e culturale. “Altri bandi prevedono anche servizi di assistenza sociale e legale alla persona.”



 I richiedenti protezione internazionale ricevono anche 2,50 euro al giorno fino ad un massimo di 7,50 euro per nucleo familiare. Poi all’ingresso una tessera / ricarica telefonica di 15,00 euro. Quindi: vitto ( spesso no buono..) alloggio vestiario 2,50 euro al giorno ricarica telefonica e wi-fi altrimenti si protesta! Ho la vaga impressione che a molti italiani questa situazione non dispiacerebbe


 Intanto Zingaretti insiste: VIA I DECRETI SALVINI…
.

 E si salvi chi può.