\\ Home Page : Articolo : Stampa
LA PISTOIESE PERDE ANCHE COL LANCIOTTO A CAMPI BISENZIO
Di Admin (del 18/12/2011 @ 22:11:46, in calcio pistoiese, linkato 1751 volte)

 

Da Campi Bisenzio Edoardo Desideri :

UNA PISTOIESE INGUARDABILE SALUTA IL 2011 CON UN'ALTRA SCONFITTA.

CAMPIONATO NAZIONALE di SERIE D Girone D, 19ª

Giornata Stadio "E. Zatopek" di Campi Bisenzio (FI),

 18/12/2011  LANCIOTTO – PISTOIESE 2 - 1

 MARCATORI: 35' Carnevale (L), 58' Chipris Gori (L), 82' Bugelli (P).

 LANCIOTTO CAMPI B.: Tommei, Benvenuti, Gentili, Pomo, Zagaglioni, Ciuchiolo, Chiopris Gori (89' Alicontri), Mazzanti (83' Casini), Carnevale (80' Manganiello), Diop Babacar, Montagnolo. A disp: De Luca, Silvestri, Benedetti, Leone. All. ANDREA BERTINI

PISTOIESE: Gaffino, Arzeo (67' Nencioli), Ceccherini, Reccolani (62' Cortese), Macelloni, Calanchi, Paolicchi (62' Bugelli), Bigoni, Mariotti, Ceciarini, Bischeri. A disp: Lorenzi, Cantoni, Elmi, Varoli. All. PAOLO INDIANI.

 Arbitro: sig. ZINGRILLO di Seregno, 1° assistente sig. BARCAGLIONI di Jesi, 2° assistente sig GIAMPIERI di Jesi.

Note: giornata cupa, campo in buone condizioni. Spettatori 500 circa.

 Ammoniti: Mazzanti al 29', Gentili al 57', Chiopris Gori al 59', Diop Bababcar al 79', Manganiello al 93' per il Lanciotto; Bigoni al 34' e Arzeo al 50' per la Pistoiese.

 Espulso Dipo Babacar al 91 per doppia ammonizione

.Angoli: 7-4 per il Lanciotto; Recuperi: 1'+5'

CAMPI BISENZIOSarebbe stato di un idealismo al limite dell'essere visionari sperare in una Pistoiese diversa dal solito nell'ultima fatica del 2011 in casa del Lanciotto. Ed infatti i tre punti sono andati ai campigiani, che si sono imposti per 2 reti a 1. Il primo scorcio di stagione si chiude così per gli arancioni in perfetta sintonia con l'andamento del campionato: una sconfitta come sempre di misura che fa da epilogo ad una prova grigia, senza mordente e senza quella cattiveria necessaria a confrontarsi contro avversarie di categoria, abituate a sudarsi la vittoria con le infallibili armi della corsa e dell'agonismo. Va da sé che qualsiasi innesto, qualsiasi nuovo arrivo, come quelli dei vari Macelloni, Mariotti e Nencioli visti all'opera quest'oggi, finisca per perdersi nella foschia di una squadra floscia, quasi impalpabile, dove i saltuari guizzi e le rare giocate, come il gol messo a segno dal giovanissimo Bugelli, unico raggio di sole in una domenica tenebrosa, non facciano altro che aumentare il rammarico per prestazioni a dir poco desolanti.

 PRIMO TEMPO – Il primo tempo della Pistoiese è poco più che da semplice spettatrice: i rossoblù locali impostano la gara da subito sull'agonismo e su alti ritmi di gioco. Ritmi che la Pistoiese riesce si a sostenere, per quanto non arrivi praticamente mai ad affacciarsi dalle parti di Tommei. E anche quando questo accade, come al 26' con Mariotti che libera Ceciarini a tu per tu col portiere locale, ecco che la palla, in un modo o nell'altro, non vuol saperne proprio di entrare in porta. Ben altra cosa è la vivacità della compagine fiorentina, sospinta dal tridente offensivo composto da l'ex pratese Chiopris Gori, da Diop Babacar e Carnevale. Proprio quest'ultimo si rende insidioso con un paio di conclusioni al 14' e poi al 25' minuto, ma in entrambe le circostanze fa buona guardia Gaffino. Tuttavia lo stesso numero 9 non fallisce il bersaglio al 35': Gori supera in velocità Macelloni dopo una discesa sulla corsia sinistra mettendo al centro un assist che l'attaccante non può davvero sbagliare. La reazione della Pistoiese, tanto immediata quanto poco convinta, è in un tiro a lato di Reccolani pochi secondi dopo aver maturato lo svantaggio; e in un tiro di Bigoni da centro area ribattuto col corpo da Gentili, mentre in chiusura di frazione ancora Carnevale scalda le mani a Gaffino calciando da fuori area.

 SECONDO TEMPO – La Pistoiese che rientra in campo nella seconda parte di gara riesce ad essere forse anche peggiore di quella vista nel primo tempo. Impaurita, titubante e incapace di imporre il proprio gioco per recuperare lo svantaggio. Eppure al 6' una buona occasione gli arancioni riuscirebbero anche a procurarsela, quando sugli sviluppi di un contropiede gestito da Ceciarini la deviazione in spaccata operata da Mariotti è debole e Chiuchiolo respinge a pochi passi dalla linea di porta. Il Lanciotto avrebbe dunque l'opportunità di raddoppiare al 9' quando le maglie della difesa arancione si aprono inspiegabilmente su un passaggio filtrante per Babacar che però calcia a lato di un soffio. Tuttavia i padroni di casa si rifanno 4 minuti più tardi con lo stesso Babacar che va via a Calanchi servendo poi un assist a Chiopris Gori, il quale tutto solo davanti alla porta ha il tempo di avvitarsi e battere comodamente Gaffino. Il portiere della Pistoiese risparmia la figuraccia ai propri compagni quando al 19' sventa il possibile 3 a 0 uscendo su Babacar lanciato nuovamente tutto solo verso la porta arancione. Indiani opera la girandola di sostituzioni, esaurendo tutti i cambi entro il 22' minuto, e manda dentro Cortese per l'impalpabile Reccolani, l'esordiente Nencioli per Arzeo e il giovanissimo Bugelli in luogo di Paolicchi. Proprio l'attaccante della juniores sembra dare un minimo di verve alla Pistoiese procurandosi alcune occasioni: la prima, al 25', la spreca calciando alto da pochi passi su assist dal fondo del compagno di reparto Mariotti; poi al 31' si incunea bene dal limite calciando però un rasoterra fra le braccia di Tommei, quindi al 37' finalizza al meglio un cross di Bischeri, siglando il gol che dimezza lo svantaggio. A questo punto si assiste ad un finale di gara già visto quest'anno: la Pistoiese si spegne proprio nel momento in cui dovrebbe gettarsi in avanti a cercare il pari con tutte le forze, e nonostante i 5 minuti di recupero assegnati, e l'espulsione comminata in maniera eccessivamente fiscale a Babacar, già ammonito, per aver calciato a rete a gioco fermo, tutto ciò che gli arancioni riescono a produrre prima del triplice fischio è una punizione di Bischeri al 40' che non trova lo specchio.

 Si chiude così un 2011 iniziato con una grande cavalcata, quella che aveva portato la Pistoiese fuori dall'Eccellenza, con la stessa che adesso annaspa dando l'impressione di avere tutte le carte in regola per tornare dritta dritta nella categoria abbandonata ad Aprile. Una fotografia del momento di difficoltà e di negatività assoluta sta nell'amarezza dimostrata nel dopo gara dal presidente Orazio Ferrari, il quale, sconsolato, ha imputato all'11 visto in campo una grave mancanza di spirito di sacrificio. Complimenti d'obbligo al Lanciotto se non altro per essersi dimostrata, fra le due squadre viste in campo, l'unica davvero intenzionata a portare a casa i tre punti. Fortuna vuole per la Pistoiese che adesso ci siano 20 giorni di sosta in cui guardarsi in faccia e ripartire da zero, ri-preparando, ri-motivando e (perché no?) rimpinguando il gruppo con innesti necessari al raggiungimento dell'obiettivo tutt'altro che scontato della salvezza.