\\ Home Page : Articolo : Stampa
PISTOIESE-PISA SC 1-1. Pistoiese acciuffata nel recupero da una prodezza di Brega
Di videonewstv (del 07/11/2010 @ 20:35:50, in CALCIO PISTOIESE, linkato 2091 volte)

LA PISTOIESE CONCEDE IL PARI ALLO SPORTING: ORANGE CON UN PIEDE GIA’ IN FUGA ACCIUFFATI NEL RECUPERO DA UNA PRODEZZA DI BREGA

 Campionato di Eccellenza Toscana, girone A – 11ª Giornata

 7/11/2010 Stadio Comunale “Marcello Melani” di Pistoia

 PISTOIESE – PISA SPORTING CLUB 1 – 1

Da Pistoia Edoardo Desideri

 Le foto della gara sono di Irene Pieraccini

 MARCATORI: 32’ Lisi (P), 92’ Brega (SC) PISTOIESE: Flauto, Strufaldi, Elmi, Paolicchi (70’ Di Nunzio), Gemignani, Calanchi, Pieroni (70’ Allori), Balleri, Stefanelli, Lisi (81’ Semboloni), Arricca. A disp: Stiavelli, Spadoni, Balestri, Marrani. All. Riccardo Agostiniani. PISA SC: Licciardi, Passariello, Aliotta, Meacci (46’ Menciassi), Romanini, Pellegrini, Tamberi (52’ Costantino), Susini (79’ Marrucci), Rigucci, Brega, Bortoletti. A disp: Santoni, Ancona, Baroni, Sammito. All. Gabriele Lazzerini. Arbitro: sig. Cipriani Nicolò di Empoli (1° ass Giacomo Paganelli di Lucca, 2° ass Gabriele Mencagli di Grosseto). Giornata piovosa, terreno in buone condizioni. Spettatori 1500 circa. Angoli: 7 a 5 per lo Sporting Club. Ammoniti: 42’ Strufaldi. (P). 51’ Pellegrini (SC), 85’ Bortoletti (SC), Recuperi: 0’+4’.

 

PISTOIA: Non spicca il volo la Pistoiese, riagguantata in extremis dal numero 10 nerazzurro Brega bravo a trovare l’angolo alla destra di Flauto approfittando di una corta ribattuta di testa del difensore arancione Gemignani. Un gol arrivato a giochi ormai praticamente fatti che ha letteralmente gelato gli animi degli oltre 1500 del Melani i quali avevano fin lì incitato e spinto la Pistoiese ad una vittoria che avrebbe voluto dire fuga. Invece si resta tutti lì, con gli arancioni che mantengono inalterate le distanze dalle dirette inseguitrici (il Pietrasanta ha infatti pareggiato in casa della Pro Livorno), ma vedono sfumare il miraggio del +5 dalla seconda, oltre al vantaggio morale che sarebbe scaturito dal battere sul campo un’avversaria arcigna come il Pisa Sporting Club, che si è dimostrato una squadra quadrata e dotata di buone individualità.

LA PARTITA – Si gioca sotto un cielo cupo. La piovosa giornata autunnale tuttavia non pare aver scoraggiato a recarsi allo stadio i tifosi arancioni i quali si presentano sugli spalti del Melani in un numero non poi così distante dai 2000 auspicati in settimana da Ferrari. In particolare sono stati esauriti i 450 posti disponibili per la curva Nord, e si sono riviste lunghe code ai botteghini. Niente male se si considerano anche gli impegni in concomitanza delle varie ‘big’ di serie A come Milan, Juventus e il derby di Roma. Agostiniani manda in campo la propria formazione tipo, con Lisi che torna a fianco di Stefanelli e Gemignani nuovamente al centro della difesa. Largo a Paolicchi e Pieroni sulle corsie sterne.

1° TEMPO – A dispetto dei valori in campo non si assiste affatto ad una gara spettacolare. Sebbene la caratura tecnica sia elevata da entrambe le parti e la mole di gioco espressa sia davvero degna di altre platee, l’estremo tatticismo e la paura di perdere la fanno da padroni. Così per il primo quarto di gara non succede praticamente niente, se si esclude un’insidiosa punizione calciata da Brega al 13’ per i nerazzurri che termina di poco alta. La Pistoiese, che si affida soprattutto agli spunti di Paolicchi e Lisi, piuttosto ispirati, si sveglia solo al 25’ con un tiraccio di Pieroni dal vertice sinistro dell’area. Un minuto dopo lo stesso Pieroni viene servito a centro area da un preciso cross di Lisi ma il suo colpo di testa termina fra le braccia di Licciardi, mentre al 28’ si rivede lo Sporting Club con Rigucci che sfiora di testa un pallone da una punizione di Tamberi e per poco non beffa Flauto. Come d’uopo in gare fra squadre così ‘abbottonate’ per sbloccare il risultato ci vuole l’inventiva del più estroso… e puntuale poco dopo la mezz’ora arriva la prodezza di Lisi che regala il vantaggio agli arancioni: Paolicchi esegue un cross forte e teso dalla destra che taglia tutta l’area, il piccolo attaccante è bravo a crederci fin da ultimo e in spaccata deposita il pallone alle spalle di Licciardi. La reazione degli ospiti consiste in un colpo di testa centrale di Pellegrini al 39’ e allo scadere in un rasoterra a lato di Tamberi, fra i migliori dei suoi, al termine di un’azione personale. Si va al riposo con gli arancioni avanti di misura.

 

2° TEMPO – Chi si aspetta una partenza lanciata da parte dei nerazzurri di San Giuliano Terme resta deluso. Lazzerini manda in campo Menciassi per Romanini e Costantino per un acciaccato Tamberi, tuttavia i nuovi ingressi, per quanto diano velocità e vigore alla manovra ospite, non servono a creare pericoli evidenti per la porta di Flauto. L’avvio di ripresa resta avaro di emozioni, sulla falsariga del primo tempo. Ci prova Rigucci a dare una scossa ai suoi con un tiro dal limite che esce abbondantemente a lato al 18’ minuto. Un minuto più tardi gli ospiti ci provano ancora con un tiro dalla distanza ad opera del nuovo entrato Costantino, con Flauto che segue il pallone sul fondo. La Pistoiese soffre il ritorno dei pisani nella fase centrale del tempo, così Agostiniani corre ai ripari e manda dentro due esterni in grado di garantirgli una maggiore copertura come Di Nunzio e Allori in luogo dei più offensivi Paolicchi e Pieroni. Prima della mezz’ora gli arancioni ci provano con un colpo di testa di Stefanelli, debole e centrale, che coregge una punizione di Arricca, e con un tiro di contro balzo ad opera di Elmi da distanza siderale che finisce abbondantemente fuori bersaglio. Non succede praticamente più niente per quasi venti minuti se si esclude l’ingresso di Semboloni al posto dell’autore del gol Lisi, applauditissimo dai supporter arancioni, e quello di Marrucci per Susini nelle file ospiti. Lo Sporting Club mantiene la pressione ma perde un po’ la lucidità, mentre la Pistoiese non riesce mai a concretizzare le ghiotte opportunità che gli si presentano in contropiede. Al 45’ Semboloni cerca l’eurogol con un pallonetto da centrocampo, Licciardi però recupera la posizione e ferma il pallone. Si entra così nei 4 minuti di recupero comandati dal signor Cipriani di Empoli con la Pistoiese che deve amministrare un vantaggio risicato, tuttavia in tribuna si comincia già festeggiare. Un brivido corre sulla schiena dei pistoiesi quando Brega entra in area dalla sinistra e calcia fuori misura da posizione favorevole. Anche l’ultimo pericolo sembra così scampato e in Curva Nord si alza un timido “…la capolista se ne va…”, quando lo stesso Brega raccoglie una respinta frettolosa della difesa arancione e di prima intenzione scaglia un destro al volo che trova l’angolo più lontano. Ormai non ci sono più né il tempo né le energie necessarie a ributtarsi in avanti. Finisce in parità, con i 1500 del Melani che se ne vanno a casa con l’amaro in bocca, mentre giocatori e dirigenti della squadra di San Giuliano Terme festeggiano quasi come se avessero vinto una finale di Champion’s League.