\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:TRA MONDIALISTI ALL'ATTACCO CHE SI TROVERANNO A MARRAKESH IL 10-11 DICEMBRE E TORMENTI EVIDENTI NELLA POLITICA NOSTRANA VIVIAMO UN DELICATO MOMENTO
Di Admin (del 30/11/2018 @ 20:27:03, in critica politica, linkato 171 volte)

Tra strappi veri o presunti ( Salvini che diserterebbe un vertice a 3 con Meloni e Berlusconi perchè incasinato con i 5 Stelle) , dichiarazioni da parte di Fico circa l'opportunità di aderire al Global Compact for Migration siamo messi male in questo periodo nella politica italiana.

Messo da parte il continuo tambureggiare di dichiarazioni su Junker, Dombrovskis e richiami vari dell'Europa che prende più di quanto dia, perchè non ce ne frega una mazza,vogliamo tornare proprio sul tentativo ONU e poteri forti mondialisti circa il Compact for Migration



 A Marrakesh l'Italia non andrà ma vedrete che in quei giorni di dicembre ( 10-11 ) non si parlerà d'altro!

 LA GRANCASSA MONDIALISTA HA MOLTI PROSELITI NELLA NOSTRA STAMPA ed è facile capirne il motivo.

                                          

 Crescono intanto le dichiarazioni anche importanti a favore della firma italiana sul documento.

 Oggi è arrivata quella di Fico ed anche le dichiarazioni del Presidente Mattarella.

 All'interno dei 5 Stelle poi ci sono state dichiarazioni precise come quelle delle senatrici Nugnes e Fattori . Quest'ultima ha scritto: “Ci si rende conto che tutto quello che si sta facendo non risolve il ‘problema’ ma lo peggiora? Il decreto sicurezza non rimpatria e non ferma gli sbarchi, ma crea nuovi clandestini e nuova insicurezza. Il Global compact era una dichiarazione per un patto collettivo di gestione dei flussi migratori cosa che abbiamo sempre invocato. Il problema è che si sta dicendo una cosa e se ne fa un’altra. Si creano problemi e non si risolve l’esistente

 E c'è del vero a dire il vero....



 Ma Salvini l'ha detto a chiare lettere: siamo all'inizio del percorso sull'argomento IMMIGRAZIONE. E' il primo passo. Tutto dovrà essere riscritto


 Il dilemma politico poi è questo:

Salvini forte dei sondaggi univoci a suo favore sarà costretto anche non VOLENDOLO a passare all'incasso PRIMA delle EUROPEE o reggerà questa situazione di uno a me ed uno a te con i 5 Stelle?

E' un dilemma non da poco soprattutto ora che anche nel PD che ha il 3 marzo come giorno per le primarie ma ha anche un Renzi che sta pensando di anticipare quanto già in fieri da tempo,vale a dire un suo movimento accreditabile di un 10-12 % dei suffragi.

Personalmente non vedrei affatto di buon occhio un ritorno di Salvini con quelli di Forza Italia anche se si tratterebbe di un Salvini stimabile oltre il 30% dei suffragi.



Secondo me perderebbe parte della spinta innovativa e non è detto che con Forza Italia rimanente ( una bella fetta se ne andrebbe con Renzi ) e la Meloni ci sia la possibilità di superare il 50% dei consensi.

Si ridarebbe fiato al un PD moribondo sul 10-12% cui si unirebbe la formazione di Renzi-transfughi da Forza Italia ,altro 10-12% i cespugli sinistrorsi alla Bonino un 4% a dir troppo e tutta quella fetta dei 5 Stelle da sempre a sinistra che potrebbe anche essere cosistente..

Il rischio di ripiombare nella palude del vinco non vinco sarebbe elevato.