\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:IL VIMINALE STA STUDIANDO LA POSSIBILITA’ DI CASSARE IL DECRETO LEGGE DEL GOVERNO PRODI IL N°286 DEL 1998 CHE ESTENDE LA PROTEZIONE UMANITARIA MENTRE E’ GIA’ BOCCIATA LA PROPOSTA DELLA UE
Di Admin (del 24/07/2018 @ 22:16:40, in Critica politica, linkato 181 volte)




Salvini contro Prodi e le sue politiche!


 Così anticipa l’Huffington Post ( il nemico vale sempre la pena di leggerlo..) la stesura prossima ventura di un decreto legge cui al Viminale starebbero lavorando.

 DI che si tratta ?

 Abbattere quello che decise il Governo Prodi nel 98 ( protezione umanitaria ) e contemporaneamente istituire in ogni regione italiana un centro di identificazione ed ESPULSIONE dei migranti.

 Basta con gli sprechi alla faccia degli italiani in difficoltà.

 Come il “patetico” Saviano ogni giorno fa appelli che per lo più cadono nel vuoto così anche io nel mio piccolissimo insisto sul tema migranti perché è quel tema che potrebbe portare il paese alla rovina.

E già è tardi con 600 mila sbandati a giro senza nulla fare se non reati.

 Quei 5 miliardi per l’accoglienza devono poter essere spesi meglio

 Il decreto Prodi del Luglio del 98 estendeva la protezione umanitaria a tutti i casi esclusi dal diritto di rifugiato e dalla protezione sussidiaria.Insomma il via libera a tutti o quasi.

 Tanto è vero che i dati sono questi relativi al 2017:

 130 MILA le domande presentate si protezione internazionale delle quali il 52% RESPINTO, il 25% con concessione di protezione, l’8% accolto come rifugiato,l’8% con protezione sussidiaria ed il 7% con altri tipi di protezione.

 Occore quindi cambiare la legge




Una legge che come ha detto Fedriga Governatore del Friuli ESISTE SOLO IN ITALIA.


 Allo studio anche il rimpatrio di tutti gli stranieri immigrati detenuti nelle carceri italiane che dovranno scontare la pena nei loro Paesi di origine con due benefici: uno per le casse dello Stato e l’altro per far felici i radicali che ce la menano da anni con il sovraffollamento delle carceri!



 Risibile quanto detto oggi dalla Commissione europea: 6 mila euro a migrante fino ad un massimo di 500 migranti a quei Paesi che accoglieranno la proposta europea.

 Vale a dire la creazione di centri controllati su base volontaria per migliorare le procedure di asilo e accelerare i rimpatri.

Salvini ha detto:L’Italia non ha bisogno di elemosina”