\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:SALVINI STAI ATTENTO E TIENI DURO..QUESTI TI VOGLIONO FAR FUORI A FUOCO LENTO SONO GIA’ D’ACCORDO PER L’INCIUCIONE…GENTILONI MAI COSI’ SICURO COME MAI?
Di Admin (del 22/01/2018 @ 17:55:48, in politica, linkato 404 volte)





Tutti in una Davos superblindata a pontificare ed a mettersi d’accordo su chi far fuori….

Figurarsi come ci si trova bene Berlusconi che vi si tratterrà per 2 giorni.



 In prima linea per quanto riguarda l’Italia c’è Matteo Salvini e la Lega.Si , su questo non ci piove.A patto che Salvini regga il punto!Se reggerà il punto e se non riuscirà a prendere più voti di Forza Italia alle prossime elezioni del 4 marzo,allora LA STORIA E’ GIA’ SCRITTA. UN BELL’INCIUCIONE TRA FORZA ITALIA ED IL PD DI RENZI sulla falsariga di quanto si sta cercando di rifare in Germania con la Grande Koalition.

 IN QUESTO NON CI SONO DUBBI!

Berlusconi dice di odiare quelli che fanno politica di mestiere e dice anche di apprezzare il Renzi che almeno a stoppare I COMUNISTI ci è riuscito, pur perdendosi dopo..

 La volete più chiara di così?


 Berlusconi nel 94 mise avanti a tutto ed a tutti lo spauracchio dei comunisti al potere,ora mette avanti a tutto ed a tutti la nullità politico-aziendale ed anche personale dei 5 Stelle. Ed anche in Europa,nell’Europa matrigna che prende dall’Italia più di quanto non ci dia, la pensano allo stesso modo.

 Via i 5 stelle e via pure i leghisti alla Salvini.

                                         

 L’unico dubbio che abbiamo è quello relativo al fatto adombrato da alcuni politici di risulta e da alcuni analisti d’accatto, che anche lo stesso Salvini farebbe parte del disegno post elettorale dedicato all’INCIUCIO con PD pur di governare! SAREBBE OSCENO! Non ci voglio nemmeno pensare..

 Comunque per chi come noi NON ACCETTA INCIUCI DI SORTA in nome dell’Europa o di qualsivoglia altra forza reale o presunta,la strada è in salita.
E lo sappiamo bene.

 C’è un’unica via percorribile e sempre con la riserva di quanto farà l’Uomo del Colle poi ad urne chiuse.

 Che la Lega di Salvini prenda una marea di consensi. Salvini lo sa bene questo.Ed è sotto attacco

 Berlusconi vuole che la coalizione sia maggioranza ma con prevalenza Forza Italia in modo da condizionare le successive scelte e costringere obtorto collo anche Salvini a starsene buono ed attuando una politica annacquata soprattutto in tema migranti. La Meloni non è un problema,si accoderà. Ottenuto questo partirà la caccia al Governo di Coalizione con gli estremi sia a destra che a sinistra spazzati via e con grande entusiasmo del Presidente della Repubblica,dell’Europa matrigna, dei mercati e dei mercanti
.

 Magari non riavremo Gentiloni perché targato PD ma potremmo avere una Bonino ministro degli esteri e sarebbe una iattura. Salvini avrebbe lottato invano! Per ritrovarsi poi in una maggioranza con la Bonino in casa?

Anche l’ultima uscita di Gentiloni così netta,decisa e NON IN LINEA con il suo modo quirinalizio di porsi la dice lunga su quale sia il vero nemico.



 Dice Gentiloni: "i 5 Stelle non mi preoccupano..non avranno mai i voti necessari per governare..”

Che vuol dire questo? ACCORDO GIA’ FATTO DI INCIUCIO!


Non per nulla quel “furbacchione” di D’Alema ha già messo le mani avanti dicendo” preoccupa semmai la deriva fascista della Lega”, aggiungendo anche di non capire la scelta della Bonino di accordarsi col PD. Lui è certo che occorrerà dopo il 4 marzo un Governo del Presidente con il compito di riscrivere una legge elettorale degna di questo nome.

                                                

 Intanto ce la sentiamo volentieri di riportare le parole rilasciate al Giornale dal candidato al Pirellone Fontana :” "Se sarò eletto - chiarisce Fontana - la prima cosa che farò è espellere i centomila clandestini che ci sono in Lombardia: persone abbandonate a loro stesse che costituiscono un enorme problema sociale e di sicurezza. Da amministratore cittadino ha ben presente l'allarme che destano nei cittadini gli eserciti di immigrati allo sbando nelle nostre strade e vicino alle stazioni. In un anno e mezzo dal mio addio, quella di Varese è diventata un Far West. E quella di Bergamo non fa differenza. D'altronde al sindaco Gori che importa, abita in un villone con un muro altissimo, neppure li vede gli immigrati"