\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:LA LAZIO E’ A PUNTEGGIO PIENO IN EUROPA LEAGUE VINCE ANCHE L’ATALANTA SOLO IL MILAN STECCA A SAN SIRO CON L’AEK UNO 0-0 TRA I FISCHI
Di Admin (del 20/10/2017 @ 00:26:42, in Calcio Europa League, linkato 395 volte)



EUROPA LEAGUE 2017/2018

Fase a Gironi

Terza giornata

SOLO ZENIT ARSENAL LAZIO E FCSB A PUNTEGGIO PIENO


GRUPPO A

Classifica: Slavia Praga e Villareal 5 punti Astana 4 punti Maccabi Tel Aviv 1 punto

 Astana- Tel Aviv 4-0 Villareal- Slavia Praga 2-2


GRUPPO B

Classifica: Dinamo Kiev 7 punti Young-Boys 3 punti Partizan e Skenderbeu 2 punti

Dinamo Kiev – Young Boys 2-2 Skenderbeu - Partizan 0-0


 GRUPPO C

 Classifica: Ludogorets 7 punti Braga 6 punti Hoffenheim 3 punti Istambul Basaksehir 1 punto

 Braga- Ludogorets 0-2 Hoffenheim- Istambul Basaksehir 3-1

GRUPPO D

Classifica : Milan 7 punti AEK Atene 5 punti Rijeka 3 punti Austria Vienna 1 punto

Austria Vienna – Rijeka 1-3 Milan – AEK Atene 0-0


GRUPPO E

Classifica: Atalanta 7 punti Lione 5 punti Apollon Limassol 2 punti Everton 1 punto

Atalanta- Apollon 3-1 Everton – Lione 1-2

GRUPPO F

Classifica: Lokomotiv Mosca 5 punti Copenaghen e Sheriff 3 punti Zilina 2 punti

Zilina- Kopenaghen 1-1 Sheriff – Lokomotiv Mosca 1-1


GRUPPO G

Classifica: FCSB 9 punti Lugano, Pilzen e Beer Sheva 3 punti

H.Beer Sheva – FCSB 1-2 Lugano- Pilzen 3-2

 GRUPPO H

Classifica: Arsenal 9 punti Bate Borisov e Crvena Zvezda 4 punti Colonia 0 punti

Crvena Zvezda – Arsenal 0-1 Bate Borisov – Colonia 1-0


GRUPPO I

Classifica: Salisburgo 7 punti Marsiglia 6 punti Konyaspor 3 punti Vitoria Sc 1 punto

Marsiglia- Vitoria SC 2-1 Konyaspor- Salisburgo 0-2

 GRUPPO J

Classifica : Ostersund 7 punti Zorya 6 punti Atletico Bilbao 2 punti Herta Berlino 1 punto

 Zorya – Herta Berlino 2-1 Ostersund – Atletico Bilbao 2-2


GRUPPO K

Classifica: Lazio 9 punti Nizza 6 punti Waregem e Vitesse 1 punto

Nizza- Lazio 1-3 Zulte Waregem Vitesse 1-1

GRUPPO L

 Classifica: Zenit 9 punti Real Sociedad 6 punti Rosenborg 3 punti Vardar 0

punti Zenit – Rosenborg 3-1 Vardar- Real Sociedad 0-6


GRUPPO K



NIZZA   LAZIO  1-3

Balotelli (N) al 4’ del 1° tempo Caicedo (L) al 5’del 1° tempo Milinkovic Savic ( L) al 20’ ed al 44’ del 2° tempo

NIZZA:
Cardinale Dante Marlon Le Marchand Jallet Burner Mendy Snejder Walter Lees-Melou Balotelli
All.tore:Favre

LAZIO
: Strakosha radu Bastos Felipe Patric Milinkovic-Savic Lulic Murgia Di Gennaro Caicedo Nani

 All.tore: S. Inzaghi

Arbitro : Thomson ( Scozia )

Botta e risposta ad inizio gara. Al 4’ da Snejeder in area una palla per l’inzuccata vincente di Balotelli che trafigge Strakosha. Passa un minuto e la Lazio pareggia grazie ad una rete di Caicedo lesto ad approfittare di una bella palla servitagli da Milinkovic-Savic e di un errore difensivo tra cardinale e Dante. Nella ripresa la Lazio fa sua la gara grazie ad una doppietta di Milinkovic-Savic. Questo giocatore sta assumendo sempre più una dimensione internazionale. Al 20’ da Radu a Caicedo che serve in area Milinkovic-Savic che da centro area batte Cardinale. E nel finale di gara il raddoppio di Savic che chiude il discorso . 44’ su palla d’angolo di Luis alberto stacco di testa di Milinkovic –Savic che anticipa Dante e terzo gol sicurezza. Lazio a punteggio pieno 9 punti nel Gruppo K
 
GRUPPO D

A San Siro di Milano  

MILAN   AEK ATENE   0-0


MILAN: Donanrumma Rodriguez Musacchio Bonucci Calabria Locatelli Calhanoglu Bonaventura Silva Suso Cutrone

 All.tore: Montella

AEK ATENE: Anestis Vranjes Rodrigo Galo Tzanetopoulos Helder Lopes Bakakis Andre Simoes Mantalos Johansson Christodoulopoulos Livaja

All.tore: Jimenez

Arbitro:Ekberg ( Svezia )

28’ giallo per Simoes per fallo su Suso 29’ Anestis blocca un colpo di testa di Cutrone 30’ ospiti vicini al gol grazie ad un errore di Musacchio che si fa togliere palla in area da Simoes che tira a rete.Il portiere Donnarumma tocca col piede la sfera che se ne va fuori di poco

37’ giallo a Locatelli per comportamento antisportivo 41’ angolo per l’AEk conTzanetopoulos che impegna severamente Donnarumma che toglie la sfera dall’angolo della porta.

In finale di tempo si vedono i rossoneri con un doppio intervento di Andrè Silva respinto da Anestis poi di Bonaventura che si vede il tiro ribattuto. Al 46’ botta da fuori di Locatelli con palla fuori di un nulla. 6’ ancora AEK pericoloso con un colpo di testa alto di Lopes da breve distanza su palla crossatagli da Galo Poi due azioni milaniste in successione. Prima Locatelli costringe Anestis a salvarsi in angolo poi è Andrè Silva che sull’angolo colpisce di testa ma la palla va alta.

Ci si mette anche con una botta dal limite Calhanoglu ma Anestis respinge con i pugni. Montella al 17’ fa entrare in campo dopo l’infortunio l’ex viola Kalinic.Esce Andrè Silva. Anche l’AEK effettua un cambio. Dentro Araujo per Lazaros.

 24’ Milan vicino al vantaggio con Cutrone che dopo aver ricevuto palla da Kalinic si trova davanti ad Anestis che esce con tempismo e ribatte il tiro del giovane attaccante rossonero. Esce Livaja e subentra Bakasetas mentre tra i rossoneri esce Bonaventura per Kessie.

Nel frattempo ancora sugli scudi il portiere greco Anestis che riesce ad evitare un gol di Suso che se ne era andato in azione personale verso la porta greca. Lo spagnolo tenta un colpo da sotto ma Anestie è bravo a salvare in angolo!

Poi Suso lascia posto a Borini. Il Milan spinge ma l’AEK non resta a guardare ed impegna Donnarumma al 40’ con un forte tiro di Bakasetas. Il finale di gare offre un’occasione per parte. Al 45’ Bonucci portatosi in avanti si vede negare la gioia del gol da Anestis.L’ex bianconero tocca leggermente di testa una palla su punizione di Calhanoglu e in pieno recupero al 50’ è l’AEK a sfiorare la vittoria con un contropiede di Araujo il cui destro è deviato in angolo da Musacchio I

ll Milan quindi non riesce a superare i greci dell’AEK di Atene che pur mettendo in mostra un ottimo portiere hanno pure loro avuto qualche occasione da gol. I fischi del pubblico milanista a fine gara ci stanno tutti. E’ vero che il Milan guida sempre la classifica del gruppo ma 3 sconfitte consecutive in campionato e questo 0-0 casalingo non depongono di certo a favore di un Montella che sembra aver smarrito idee circa una formazione base su cui lavorare.Ogni volta scendono in campo uomini diversi. Squadra cambiata moltissimo in estate con l’obbligo di far risultati dovuto al grosso impegno finanziario A DEBITO dal cinese LI.I risultati non ci sono dal momento che il Milan ha vinto con le squadre dietro ed ha perso con quelle davanti in classifica.Ora il Genoa in campionato poi la trasferta ad Atene in Europa League .Non saranno giorni facili per Montella.


 GRUPPO E
 
A Reggio Emilia 

ATALANTA   APOLLON  3-1

Ilicic ( A ) al 12’ del 1° tempo Schembri ( AP ) al 14’ del 2° tempo Petagna ( A) al 19’ del 2° tempo Freuler ( A ) al 21’ del 2° tempo

ATALANTA
: Berisha Hateboer Palomino Caldara Masiello Spinazzola Freuler Cristante Ilicic Gomez Petagna All.tore: Gasperini

AOLLON LIMASSOL: Bruno Vale Yuste Jander Joao Pedro Allan Pitian Jakolis Alef Sachetti Maglica Schembri All.tore:Augousti

Arbitro: Kabakov ( Bulgaria )

 Atalanta in vantaggio con Ilicic al 12’ . Ma gran merito va a Spinazzola che dopo aver superato sulla sinistra Allan mette palla in mezzo dove Ilicic batte Bruno Vale.

Poi Atalanta sprecona prima com Freuler lanciato da Ilicic poi con Petagna Anche ad inizio ripresa la Dea continua a sprecare gol con occasioni per Petagna e Gomez. Sbaglia sbaglia che segnano gli ospiti sempre a rete in questa edizione di Europa League. Schembri al 14’ di testa supera Berisha e firma il pari.

 Immediata e furiosa reazione neroazzurra con Masiello e Gomez che sfiorano il 2-1 ( l’argentino colpisce la traversa ) e gara chiusa in 3 minuti dal 19’ al 21’ quando Petagna di testa su angolo di Ilicic porta in vantaggio i suoi e quando Freuler chiude a rete una triangolazione tra Gomez e Ilicic con palla addomesticata di petto e botta di sinistro a superare Bruno Vale.
 L’Atalanta è a un passo dalla qualificazione e sicuramente saprà farsi rispettare in questa Europa League.Probabile che molte energie vengano sottratte al campionato, ma non è da folli credere che Gasperini possa portare i suoi almeno ai quarti della manifestazione europea.