\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:RIPRENDE IN BULGARIA IL CAMMINO DELLA NAZIONALE TRA INFORTUNI E POLEMICHE
Di Admin (del 27/03/2015 @ 23:10:26, in Calcio Nazionale , linkato 978 volte)

In prospettiva della gara di domani sera contro la Bulgaria e più in generale per il prosieguo vincente del cammino della Juventus in campionato e soprattutto in Champions non ci voleva il grave infortunio subito da Marchisio infortunatosi (da solo ) nell’ultimo allenamento a Coverciano prima della partenza della squadra per la Bulgaria.

 La Nazionale domani sera riprende il suo cammino verso gli Europei di Francia 2016 nel Gruppo H affrontando la Bulgaria. L’Italia assieme alla Croazia ha 10 punti, la Norvegia ne ha 9 ,la Bulgaria 4, Malta 1 e l’Azerbaigian zero.

 Da ricordare come l’Italia sia imbattuta da ben 44 gare di qualificazione considerando tutte le varie competizioni cui ha partecipato. ( ultima sconfitta l’1-3 contro la Francia il 6/9/2006. .Poi 33 vittorie ed 11 pareggi )

Non ci sarebbe neppure voluta quella intervista rilasciata dall’oriundo Eder neo Azzurro al giornale brasiliano “ Diario Catarinense” diffuso nello stato di Santa Catarina nel sud del paese.

 L’attaccante brasiliano della Sampdoria possiede anche il passaporto italiano grazie a un bisnonno veneto. Intervista ove si evince chiaramente come Eder abbia scelto la Nazionale Italiana dopo non essere stato chiamato da Dunga CT della Selecao.Un bell’incipit davvero! Bravo! In pratica sceglie l’Italia come ripiego.

 Domanda: Aceitar essa convocação da Itália é abrir mão do Brasil. Você pensou nisso? Eder — Eu vejo que atletas que saíram cedo do Brasil não são reconhecidos pela Seleção Brasileira. Agora, que os meninos do Shakhtar Donetsk estão sendo lembrados. O Felipe Anderson está jogando muita bola aqui na Itália, a Europa está de olho. Mas são chamados para a Seleção Brasileira jogadores de uma geração passada. Conheço muito o futebol italiano, não aceitaria o convite de uma seleção qualquer. Quem conhece futebol sabe da importância da Itália, por isso DC -

Eder - Vedo gli atleti che hanno lasciato presto in Brasile non sono riconosciuti dalla Nazionale brasiliana. Ora che i ragazzi di Shakhtar Donetsk sono stati ricordati. Felipe Anderson sta giocando una partita di pallone qui in Italia, in Europa sta guardando. Ma sono chiamati per la Nazionale  Brasiliana giocatori di una generazione fa. So che il calcio molto italiano, non avrebbe accettato l'invito di qualsiasi selezione. Chi conosce il calcio sa l'importanza di Italia, quindi ho accettato.

 

 Molto meglio il comportamento di Paulo Dybala che avvicinato da Conte-Puma sembrerebbe orientato a scartare l’ipotesi di indossare la maglia azzurra dopo aver profferito ( sempre se rispondono al vero ) queste parole: "

Non è una decisione facile perché l'Italia ha grande tradizione e ha vinto quattro Mondiali, ma io sono nato in Argentina, mi sento argentino e sogno la nazionale albiceleste fin da quando ero bambino".

 Insomma questa storia degli oriundi non mi piace.Non hanno mai portato granchè alla causa della Nazionale, almeno negli ultimi 50 anni.Ci sono tanti bravi giocatori italiani che non avranno più possibilità di emergere fino ad arrivare in Nazionale se cominciamo a chiudergli gli spazi.Per quale motivo ad esempio un Paloschi dovrebbe cedere il posto ad un oriundo? Non si capisce.