\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:MILAN : RITROVARE UNA GRANDEZZA PERDUTA NON PASSA DI CERTO DAL NUOVO STADIO…MA DAI GIOCATORI !
Di Admin (del 04/02/2015 @ 15:38:09, in Calcio commenti, linkato 589 volte)

 Lo spacciano ( la grancassa della stampa amica all’unisono…) per il “Sogno” di Barbara Berlusconi.

Il nuovo stadio del Milan da 48 mila spettatori in zona Portello,uno stadio a impatto zero,interrato ,con giardini pensili ed un liceo sportivo??!!!

 La Fondazione Fiera dovrà decidere entro l’estate se questo progetto sarà l’idea migliore e vincente per la riqualificazione della zona.

 

 Naturalmente le dichiarazioni di appoggio da parte di architetti interessati si sprecano e la fantasia galoppa sulle ali delle parole e dei pensieri che assurgono a “verità filosofiche”.

 Del tipo: ..” ripensiamo la città e gli spazi urbani partendo dal concetto di stadio..”

Siamo alle farneticazioni…

 Si prende spunto da un fatto puramente affaristico per ammantarlo di verità e dargli dignità di pensiero prendendo per i fondelli la realtà ed anche l’intelligenza.

In verità, invece una squadra ed una Società che furono grandi nel recente passato , ora nella evidente miseria tecnica della rosa, si debbono consolare con idee “giuggiulatrici” totalmente staccate dalla realtà di una squadra “poverella” alla faticosa ricerca del prestigio perduto.

Che non si riacquista di certo con i “parametri zero” o con i prestiti onerosi o non che siano.

 E non importa se il nuovo stadio verrà pagato totalmente dagli sponsor.

Come poi possa uscire qualcosa di utile o di costruttivo dal punto di vista sportivo da ciò che viene pensato dal marketing è tutto da dimostrare.

Sembra quasi che lo stadio nuovo porti da solo le vittorie,che sia il toccasana di tutto.

Passi per le esercitazioni ben pagate degli architetti ma per favore non si ammanti la loro opera con contenuti tali da indicare strade interpretative ottimali per una vita migliore della società, intesa come gruppo di persone che vivono in una comunità urbana.

 Qui si parla di una ventina di “pedatori” che devono vincere le gare sul campo quale che esso sia.Solo quello conta.

 Il terreno di gioco dello stadio serve per correre e possibilmente vincere le partite e va benissimo anche quello di San Siro.