\\ Home Page : Articolo : Stampa
NATURA AD ARTE : SODALIZIO FRA PISTOIA E PIETRASANTA
Di Admin (del 24/07/2014 @ 15:59:22, in ARTE E CULTURA, linkato 1169 volte)

450° MICHELANGELO MINDGRAFT

26 LUGLIO 17.15

NATURA AD ARTE : SODALIZIO FRA PISTOIA E PIETRASANTA

 

Riceviamo e pubblichiamo:

 Installazioni inedite di opere contemporanee.

A Pietrasanta dal 26 luglio al 14 settembre La Fondazione Carlo Linneo di Pistoia, attenta al mondo dell’arte ed alle opere a verde, in collaborazione con la Fondazione Centro Arti Visive e con il Comune di Pietrasanta, organizza per sabato 26 luglio alle ore 17,15 in Piazza Crispi a Pietrasanta un evento d’arte strutturato. Si tratta di una rassegna espositiva promossa per celebrare il 450° anniversario della morte di uno dei più grandi artisti mai vissuti: Michelangelo Buonarroti. L’artista che con il suo linguaggio monumentale ha ricercato la massima intensità espressiva attraverso l’interpretazione più aulica della natura diventa oggi prezioso elemento di ispirazione dando vita a questo prestigioso progetto d’arte: da un lato opere di marmo, bronzo, materiali poveri, frutto della creatività di artisti internazionali come Marina, Abramovic; Antony Gorley, Ai Weiwei Anish, Kapoor Chen Zen, Mona Hatoum Kiki, Nari Ward, Hirst Mar Quinn, Vanessa Beecroft, Keith Haring, Enrico Castellani, Win Delvoye e Louse Nevelson; dall’altro grandi opere “verdi” perfetta simbiosi tra arte e natura.

Si tratta dell’installazione del Gruppo Giardini di Pistoia (http://www.gruppogiardini.com ) azienda che da oltre trent’anni porta nel mondo scenografie verdi di qualità con gli esemplari unici prodotti dall’azienda vivaistica Vannucci Piante (http://www.vannuccipiante.it/ )

 leader europeo per la produzione di alberi e piante. “Questo sodalizio fra Pietrasanta e Pistoia, località toscane conosciute nel mondo per le proprie eccellenze che hanno decretato, l’una, la patria dell’arte e, l’altra, quella del verde rappresenta un esempio concreto di come, oggi, si possa fare Arte utilizzando linguaggi ma soprattutto materie diverse. Siamo abituati ad opere d’arte per lo più si basano sulla resistenza della materia e sulla leggerezza della creatività. Noi, con questo progetto, esaltiamo la leggerezza della materia e la resistenza, e, aggiungo, solidità, di chi crea”.