\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:UNA TRAVERSA TRA PINILLA E LA GLORIA ! BRASILE AD UN PASSO DAL BARATRO ED ORA CUDRADO-RODRIGUEZ
Di Admin (del 29/06/2014 @ 15:43:19, in Calcio Mondiali 2014, linkato 903 volte)

Quella traversa colpita da Mauricio Pinilla centravanti cileno del Cagliari allo spirare della gara mondiale contro il Brasile può aver cambiato la storia del Mondiale 2014.

 Gli umili giocatori ( si fa per dire…) cileni ad un passo dalla gloria eterna.

Un paese intero di oltre 200 milioni di abitanti che attraverso il pallone vede il riscatto dallo “sconcio delle favelas” ad un passo dal dramma.

 La sorte ha voluto che un modesto Brasile si salvasse grazie ad una traversa e nel momento in cui non ci sarebbe più stata possibilità di recupero.

Ovvio e scontato poi che Pinilla sbagliasse anche uno dei 5 rigori consentendo all’ottimo Julio Cesar di respingergli il tiro

 Quando in una squadra ci sono due-tre elementi di assoluto valore ed uno di questi è il portiere nulla è precluso a quella formazione.

 

Il caso del Brasile ( Julio Cesar-Neymar ) ed il caso dell’Italia ( Buffon-Pirlo ),quello dell’Olanda ( Robben-Van Persie-Scnejider ),della Colombia (Cuadrado.James Rodriguez ) .

 Questo Brasile sopravvalutato dai media per ciò che si è visto al momento non è da titolo Mondiale.E la fresca,sbarazzina Colombia potrebbe anche metter fine al sogno del sesto titolo . E’ giusto che il calendario preveda proprio il quarto di finale tra Brasile e Colombia e non credo che la squadra di Pekerman abbia al momento alcun timore reverenziale nei confronti dei favoriti verde-oro.

 Come avrà assorbito pricologicamente il Brasile l’affannata vittoria ai rigori contro il Cile ? Potrebbe riceverne una spinta in positivo ed allora nulla gli sarebbe precluso in futuro ma potrebbe anche essersi resa conto la rosa di non essere al meglio,non da titolo ed allora una eventuale ulteriore grande prova dei Colombiani metterebbe la parola fine anticipata sul Mondiale 2014 casalingo da dover vincere a tutti i costi dopo il Maracanazo del 1950.

 Stà alla Colombia dimostrare ancora tutto il suo valore.Ieri sera contro l’Uruguay non c’è quasi mai stata partita.L’Uruguay (specie senza Suarez) perde metà del potenziale offensivo essendosi Cavani quasi trasformato in un rifinitore

.La Colombia viaggia su un “solo discreto” a questi livelli, telaio difensivo ( figurarsi che in difesa giocano Zuniga,Yepes e Zapata ) ma dispone di ottima velocità e di due esterni giovani e di grande valore tecnico.

 

Uno lo conosciamo bene giocando a Firenze,quel Cuadrado capace di aprire le difese ed oggetto del desiderio di mezza europa,

l’altro il giovane James Rodriguez che gioca nel Monaco ha dimostrato colpi degni di un campione.Tempismo,scelta del tempo nel tiro e velocità nell’esecuzione.GRANDE COORDINAZIONE.Insomma una vera sorpresa

E con 5 gol all’attivo in questo Mondiale!Con queste due ali alla Colombia nulla è precluso soprattutto se in difesa si troverà il modo di neutralizzare la velocità di Neymar.

E pensare che la Colombia è priva del suo “bomber” quel Radamel Falcao che gioca nel Monaco proprio con Rodriguez infortunato al ginocchio da lungo tempo.

L’esplosione di Rodriguez come finalizzatore ha fatto dimenticare questa pesantissima assenza.Dire Falcao per la Colombia è come dire Suarez per l’Uruguay o Neymar per il Brasile.

 Non inducono all’ottimismo per la Colombia i dati relativi agli incontri già effettuati tra le due nazionali che si sono incontrate 25 volte con 15 vittorie del Brasile 8 pareggi e sole 2 vittorie della Colombia. L’ultima delle quali risale a ben 23 anni or sono.Era il 13 luglio 1991!