\\ Home Page : Articolo : Stampa
BUON NATALE 2013 A TUTTI
Di Admin (del 10/12/2013 @ 16:30:32, in BUON NATALE, linkato 941 volte)

 BUON NATALE 2013 A TUTTI

 (allegata : lettera a Babbo Natale.)

 Di Ottavio Nulli Pero

 Cari amici, prima che inizi l’ingorgo degli Auguri vogliamo rivolgervi il nostro Buon Natale. Un Buon Natale che cercheremo di sostanziare con azioni specifiche e per categorie specifiche. Innanzitutto un buon Natale ai disabili, auspicando che queste festività natalizie ciascuno possa trascorrerle con le persone più care. Sarebbe bello che anche le “case di riposo” fossero chiuse e ognuno potesse tornare con i propri congiunti. Ma sappiamo che non per tutti sarà possibile. Speriamo che tutti i malati negli ospedali possano tornare con i propri cari. Speriamo insomma che tutti possano vivere il Natale nel modo più felice. Speriamo che a nessuno manchi un pasto discreto da consumare con le persone più care. Speriamo che tutti gli anziani possano trascorrere il Natale con la propria famiglia. Lo Auguriamo di cuore a tutti. Speriamo che tutti i bambini possano trascorrere il Natale con i propri genitori. Auguriamo a tutti tanti doni , ma se non sarà possibile speriamo vi sia sufficiente il calore dei vostri cari. Se ciò si avvererà Babbo Natale sarà passato comunque !!! Non importa se non lascerà i doni materiali , basta che porti i doni del cuore. E a Babbo Natale ci sentiamo di scrivere così:

*************** CARO BABBO NATALE ***************

 

Caro Babbo Natale, lo so non potrai portare molte cose , purtroppo gli ingordi già si sono presi quasi tutto.!!

Lo so che c’è la congiuntura e quel che è rimasto se lo sono diviso in pochi. Banchieri , petrolieri , speculatori di ogni genere e politici si sono presi ogni cosa. Lo so che il Governo ci ha messo del Suo ed anziché lasciare qualcosa a Natale per i cittadini ha portato via con le tasse quel poco che era rimasto ed anche di più. Tanti nomi di tasse strane che fanno ingorgo .

Caro Babbo Natale quest’anno ci sarà anche un po’ meno illuminazione ,compresa quella pubblica perché con la nuova tassa una parte dei servizi di illuminazione dovranno pagarla i cittadini che correranno perciò a spegnere le luci pubbliche. Ci saranno molte buche sulle strada perché nessuno le ripara più . Il premier dice di aver tolto il finanziamento pubblico ai partiti….. invece non è proprio così per quest’anno e per il prossimo sono salvi ,perché la procedura sarà graduale a partire dal 2015 e nonostante Renzi , le tasse ai cittadini partono da subito ed i privilegi invece si toccano un po’ alla volta. (come sempre)

Caro Babbo Natale, ti preghiamo perché ci porti via questa Europa matrigna dei mercati e dei mercanti affinchè ce ne porti una più solidale. Se non trovi quella solidale rimaniamo volentieri anche orfani di questa attuale.

Caro Babbo Natale portaci via la BCE che incamera risorse di tutta i cittadini europei e le ridistribuisce solo alle banche che a loro volta ci comprano i titoli di Stato e non li riversano sul mercato , per far crescere l’occupazione e l’economia.

Caro Babbo Natale fammi il piacere , la Merkel lasciala ai tedeschi . Anzi rassicurala che noi non gli rovineremo le strade e perciò non pagheremo il pedaggio. Anzi tanto che ci sei lasciale un biglietto con su scritto " In Italia non sono gradite auto tedesche e perciò saremo costretti a mettere il pedaggio dappertutto , buche comprese.

Caro Babbo Natale, portaci via tutti quelli che credono nelle grandi concentrazioni, nelle multinazionali , nelle privatizzazioni selvagge e caserecce. Un pezzo ciascuno ai soliti e la parte migliore dello Stato è smontata. La carcassa la lasciano a noi. Loro le bistecche e a noi il bollito. Caro Babbo Natale ,portaci via gli incapaci e i disonesti che non sanno fare i buoni padri di famiglia, portaci via quelli che non sanno fare i conti e non hanno un’ idea di giustizia sociale, e per far quadrare i conti sanno fare solo i tagli ai servizi. Portaci via anche le Università dove hanno studiato. Portaci via tutti quelli che studiano ogni giorno come fregare il popolo che li aveva delegati a tutelare i propri interessi.

 Caro Babbo Natale portaci via tutti i mestatori di verità , tutti quelli che pur essendo in pochi portano via tante risorse pubbliche. Portaci via quelli che volevano svendere anche le spiagge , altrimenti c’è il rischio che svendano anche il sole. Caro Babbo Natale portaci via le grandi Banche , la grande distribuzione , le catene di ogni genere ; ci basta il piccolo e ci vivono in più. Del resto come sai le concentrazioni hanno favorito i monopolisti e non la concorrenza come predicavano. Portali dove vuoi . Ma sii generoso anche con loro , lasciali su un’isoletta dove i viveri arrivano almeno una volta alla settimana. Il sabato. Per i collegamenti con la terra ferma come sai il petrolio è finito e perciò , maggiori collegamenti non sono possibili. Del resto caro Babbo Natale, sono gli stessi che hanno ridotto le corse dei pullman e le hanno rese più care. Quindi nessuna cattiveria ma solo un atto di giustizia sociale.

 Caro Babbo Natale, ti chiediamo di recuperare la nostra Italia anche se mal ridotta e abbandonata , ma ti assicuriamo che la rimetteremo a nuovo. Portaci via i cementificatori , quelli che hanno svuotato i centri storici , quelli che non hanno difeso le nostre produzioni e la nostra cultura.

Caro Babbo Natale ti sembrerà strano ma non ti chiediamo di portarci nulla . Le difficoltà le conosciamo, perciò ti chiediamo solo di arrivare con il sacco vuoto e riportarlo via pieno di tutti quelli che ti ho elencato. Ti saremmo grati ugualmente. Ed infine fai uno sforzo ,portaci via anche coloro che ci hanno negato i prodotti genuini della nostra terra e ci costringono ad importare quelli avvelenati provenienti da tutto il mondo. Noi al mercato globale preferiamo le bancarelle di paese.. almeno a Natale.

Ottavio Nulli Pero.