\\ Home Page : Articolo : Stampa
Locali delle Marine, il Presidente Manfredi smentisce le notizie di stampa: źNon ho inviato alcuna lettera╗
Di Admin (del 24/10/2013 @ 16:01:40, in PARCO SAN ROSSORE, linkato 1343 volte)

Locali delle Marine, il Presidente Manfredi smentisce le notizie di stampa: «Non ho inviato alcuna lettera»

Comunicato stampa del 24.10.2013

 Con riferimento a quanto riportato questa mattina sulla prima pagina della cronaca di “Viareggio” del quotidiano “Il Tirreno” («Sul tavolo del sindaco Leonardo Betti c’è una lettera che il presidente del Parco, Fabrizio Manfredi, ha inviato al primo cittadino e alla Procura […] con la quale si chiede che l’ente pubblico valuti se ci sono le condizioni per revocare la concessione a “Mama Mia”, “Priscilla”, “Buddy”, “Boca Chica”, “Le tre scimmie”, “Don Quixote” »), il Presidente dell’Ente Parco regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli smentisce categoricamente di aver inviato al Comune di Viareggio e alla procura della Repubblica una simile nota. La notizia è dunque del tutto priva di fondamento, innanzitutto perché la politica dell’Ente Parco è – com’è noto, giacché oggetto di molte comunicazioni al riguardo – di tutt’altro genere: l’ente regionale sta cercando di definire, unitamente alle altre istituzioni coinvolte – Comune di Viareggio, appunto, e Regione Toscana, – un diverso orientamento normativo per i locali, al fine di individuare soluzioni che consentano nuove forme compatibilità tra esse ed un’area particolarmente sensibile dal punto di vista ambientale, e di creare i necessari presupporti perché gli imprenditori delle Marine di Torre del Lago e di Viareggio possano in futuro operare sulla base di maggiori certezze e migliori condizioni per l’esercizio della proprie attività. Per perseguire tale obiettivo, d’altronde, è stato convocato dal Presidente Manfredi un tavolo di lavoro, i cui incontri tenutisi nel pieno dell’estate – l’ultimo si è svolto il 3 ottobre scorso – hanno portato le tre amministrazioni competenti a concordare con precisione i passi dell’iter burocratico del caso, e in particolare l’Ente Parco ad avviare il procedimento per la modifica delle norme del Piano di gestione della Tenuta Borbone, primo passo per portare nei prossimi mesi all’attenzione del Consiglio direttivo tali proposte[1]. In secondo luogo vale la pena sottolineare che non è certo una competenza del presidente dell’Ente Parco inviare lettere di tale natura al sindaco di Viareggio e alla procura della Repubblica: perciò, qualora esistesse un simile carteggio, si tratterebbe più probabilmente delle risultanze di indagini svolte da corpi di polizia giudiziaria – tra i quali, presumibilmente, anche le Guardie del Parco – per conto della magistratura di Lucca e dunque non certo in rappresentanza di alcun organo dell’Ente Parco, bensì quale autonomo nucleo appositamente incaricato dai giudici dell’accertamento di reati. Il Presidente Parco, peraltro, non solo non è l’autore della missiva, ma non può neppure essere in alcun modo a conoscenza di eventuali contenuti redatti dal servizio di vigilanza dell’Ente nell’esercizio delle funzioni sopra richiamate, giacché, al pari del Direttore, non ha alcun accesso alla relativa documentazione amministrativa.

Fonte. ufficio stampa Ente Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli