\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere: IL NAPOLI SBANCA SAN SIRO DOPO 27 ANNI REINA IPNOTIZZA BALOTELLI CHE SBAGLIA IL 22 RIGORE
Di Admin (del 22/09/2013 @ 23:11:49, in Calcio Campionato, linkato 1057 volte)

                                                      

IL NAPOLI SBANCA SAN SIRO E RAGGIUNGE LA ROMA IN TESTA ALLA CLASSIFICA DELLA SERIE A

 

 Il Napoli deve aver pensato di trovarsi ancora di fronte il Borussia di Dortmund e non il “povero” diavolo rossonero di oggi.

 E’ partito a mille all’ora e in 5’36’’ poteva segnare 4 gol invece dell’unico messo a segno con un colpo di testa su traversone dalla sinistra ( al solito!!) da parte dell’urugiaiano Britos! Non poteva essere quello il Milan anche rabberciato,era troppo brutto.

Ed infatti poi la gara si è assestata anche se la differenza di valore delle due rose era evidente ed a favore del Napoli.

Dunque: al 3’ Hamsik sparacchia malamente a lato al 4’ lancio in area di Insigne per lo svizzero Behrami che a tu per tu con Abbiati calcia alto! Al 4’45’ disimpegno errato di Zapata che serve Higuain che tira subito con palla che sfiora il palo alla destra di un Abbiati fermo e battuto.

Una sola squadra in campo che passa in vantaggio al 5’36’’ con la messa in mostra se mai ce ne fosse stato bisogno del difetto principale della difesa milanista.Sui cross da qualunque parte provengano va in tilt e subisce. Punizione da 25 metri palla da Albiol in area ove accorrono sia Higuain che Britos.QUest’ultimo colpisce di testa e batte Abbiati.Napoli in vantaggio.

 Con calma cerca di riorganizzarsi il Milan ma si fa pericoloso solo e sempre con Balotelli al 10’ con deviazione di Reina al 12’ con una violenta punizione fuori di poco ed al 14’ con un tiro parato. Almeno ora la gara è più equilibrata, è tornata tra due squadre che lottano alla pari anche se appaiono evidenti le paure del Milan ( ampiamente rimaneggiato ) ed anche le sicurezze di far male in avanti del Napoli.

Al 16’ si rifà vivo il Napoli ma Mexes è abile a deviare un colpo di testa di Hamsik che sembrava in gol!

 Al 26’ la migliore azione del Milan conclusa da un colpo di testa di Matri non molto forte per impensierire Reina, Proteste milaniste al 39’ quando Birsa ( ancora preferito a Robinho ) vola a terra in area di rigore partenopea contrastato da Zuniga mentre cercava di raggiungere una sfera lanciatagli da Emanuelson.L’episodio è più che dubbio, ma l’arbitro il livornese Banti non fischia

La partita pian piano si spegne e non ci sono più azioni degne di nota se non un problema per il ginocchio destro di Balotelli che sembra sofferente. Comunque per quello che è visto nei primi 5’ per il Milan le cose non stanno poi andando così male. La possibilità di recuperare la gara c’è nonostante tutto.

 Dopo un buon inizio di ripresa con una punizione di Balotelli sulla barriera ed un’incursione di Mexes che poteva avere miglior fortuna arriva il raddoppio napoletano. Che errore,che errore Abbiati.Appena il Napoli ha rimesso fuori il naso ha segnato!! Ecco la differenza attuale tra le due squadre! Buona volontà da parte rossonera ed anche impegno ma mai la sensazione di farcela.Da parte ospite,invece,assoluta sicurezza ed ad ogni affondo il pericolo costante.E questo Gonzalo Higuain è forte,molto forte,non c’è dubbio.Ed Allegri lo temeva.

 Il tiro di Higuain che in velocità ha superato De Jong era forte e preciso ma l’intervento del portiere non è stato all’altezza.Canta la San Siro napoletana ed ora per il Milan è durissima anche se Balotelli ( che sembra non aver più problemi al ginocchio ) continua a battersi al massimo

.Entra Robinho ed esce Birsa.

 Al 15’un rigore per il Milan che REINA PARA A BALOTELLI !! Il fallo è stato in area su Balotelli (da parte di Albiol )che dopo 21 rigori consecutivi a segno ha fallito quello che poteva riaprire la gara.Balotelli ha fatto la solita finta quasi fermandosi al momento del tiro poi ha sferrato un tiro nemmeno troppo potente sulla destra del portiere che intuita la direzione è riuscito a deviare la sfera.L’errore prima o poi è ovvio,doveva arrivare ed è arrivato in una gara molto importante.

 25’ ottima combinazione d’attacco in velocità tra Matri e Balotelli con tiro violento che tocca la traversa!! Non fortunato stasera Balotelli. Occasione che meritava un miglior esito. Entra anche il giovane Niang ed esce Muntari.Come sempre avviene quando perde Allegri mete in campo tutti gli attaccanti a disposizione ma finora non è mai servito a nulla e per il Milan si avvicina la sconfitta casalinga cosa che non avviene da tempo.

 Alla mezz’ora ancora Reina che mette in angolo su tiro al volo di Balotelli! La sfida per ora la vince il portiere Reina. 35’ un tiro di Mexes portatosi in area ,un diagonale potente dalla destra va fuori di poco. Ancora proteste milaniste al 36’ per l’ennesimo fallo su Balotelli in area ma due rigori pro Milan nella stessa gara l’arbitro Banti non ce l’ha fatta a concederli! 39’ Niang si vede un tiro vincente deviato involontariamete da Matri.

 Nulla da dire sulla volontà dei milanisti di rimontare ma almeno stasera non c’è un briciolo di buona sorte nelle conclusioni ed il Napoli si limita a controllare e spreca con Pandev al 44’ il gol del 3-0 dopo erroraccio in disimpegno di Emanuelson, tiro di Dzemaili ,ottima deviazione di Abbiati e errore del macedone che sparacchia fuori.

 Il gol tanto voluto e cercato in tutti modi da Balotelli arriva a tempo scaduto ma non c’è più spazio per una miracolosa rimonta.Un suo tiro dal limite a giro non dà scampo all’ottimo Reina e si infila in rete alla sua sinistra.

E’ il 46’. Lo stesso Balotelli che era stato ammonito al 14’ per gioco falloso al 41’ subisce un duro fallo di gioco da parte di Britos ed accenna ad un fallo di reazione,poi si calma. Ma il finale è convulso,lui è molto nervoso e quando subisce un altro colpo da Behrami che l’arbitro non sanziona protesta a lungo e si becca il rosso.

 Ci risiamo.Media gol di Balotelli quasi un gol a gara.Media ammonizioni tendente a più di una a gara.Così non c’è futuro nè per lui nè per il Milan.

 Dopo 27 anni il Napoli sbanca San Siro! E raggiunge la Roma in testa alla classifica della Serie A. Napoli senz’altro forte e cosciente della propria forza.Anche fortunato il giusto.Potrebbe essere l’anno giusto per lo scudetto.Questo allenatore Rafa Benitez sa il fatto suo. Milan già staccatissimo dalla vetta,pieno di infortunati,con poca fortuna stasera, con il solito Balotelli ( ottima gara la sua ) che non può far tutto e con le solite amnesie difensive puntualmente punite dalle punte avversarie che quando si chiamano Higuain lasciano il segno.

 Il Milan non può che migliorare con i rientri dei tanti infortunati ma la società come abbiamo più volte ricordato ha preferito puntare sui “cavalli di ritorno” piuttosto che puntellare i difetti della difesa e quest’anno sarà molto più difficile per Allegri recuperare punti su molti avversari.

 Sono già 8 da Napoli e Roma 6 da Fiorentina,Inter e Juventus e via e via…dove vuoi andare?

 Già: c’è la Champions… vedrete che allegria…

INTER VITTORIA RECORD IN TRASFERTA Guarda un po’ cosa vuol dire un insieme di combinazioni favorevoli. Inter che sta per passare di mano da Moratti all’imprenditore Indonesiano Tohir Moratti che chiede massima attenzione al campionato senza pensare alle vicende societarie. Immediato ascolto dei voleri aziendali da parte dell’allenatore ( ambiziosissimo.) e dei giocatori rinfrancati anche dalla buona gara disputata la scorsa settimana contro i primi della classe,la Juventus. L’avversario odierno debuttante in serie A ed a zero punti .il Sassuolo. Da questa combinazione ,da questo mix di ingredienti che si sono fusi ne è uscito il risultato storicamente più importante per l’INTER in esterno della sua lunga storia.

 SASSUOLO 0 INTER 7 La gara N° 2700 dei neroazzurri in Campionato ( girone unico dal 1929 ad oggi ) ha rappresentato quindi la MASSIMA VITTORIA IN ESTERNI DELLA SUA STORIA.

( il record assoluto appartiene al Padova che nel derby contro il Venezia del 20/11/1949 vinsero per 8-0 ed al Milan che il 5/6/1955 battè a Marassi il Genoa per 8-0 )

 Intanto ed in attesa di Milan-Napoli si è avuta la conferma dell’ottimo momento attraversato dalla ROMA guidata dal tecnico francese Rudi Garcia.Ha fatto suo per 2-0 il derby ed è in testa alla classifica a punteggio pieno dopo 4 gare. Lo slogan lanciato ieri “ un derby non si gioca,si vince” ha avuto il suo effetto. Per il resto conferme su Fiorentina e Juventus ambedue con i tre punti come preventivato.Per i viola vittoriosi a Bergamo ancora Rossi in gol ,per la Juventus che dal 1988 non perde un punto in casa contro l’Hellas Verona gol vittoria di llorente ed un’altra buona prova di Tevez.