\\ Home Page : Articolo : Stampa
L’ITALIA E’ TERZA ALLA CONFEDERATIONS CUP BATTUTO L’URUGUAY AI RIGORI PREMIO DI 3 MILIONI DI DOLLARI
Di Admin (del 30/06/2013 @ 21:53:27, in confederations cup, linkato 1018 volte)

 

                      

 

Dunque la Nazionale Italiana di calcio è arrivata TERZA al termine della IX Confederations Cup. Ha battuto l’Uruguay ai rigori dopo che 120’ di gioco avevano fissato il risultato sul 2-2

 Ai rigori con le squadre distrutte dalla fatica è stata la saga degli errori soprattutto da parte degli uruguaiani.Ottimo Buffon che ne ha parati tre a Forlan,Caceres e Gargano, ma tre rigori tirati in modo orrendo.

A segno invece Cavani e Suarez.Per gli azzurri un solo errore ( De Sciglio) ed a segno Aquilani,El Shaarawy e Giaccherini. Risultato finale 5-4 per l ‘Italia.

 Questa gara non ha aggiunto nulla a quanto già visto.

Sono gare queste (finaline) del tutto inutili che servono solo a percepire qualche migliaio di dollari in più dalla FIFA.Il premio FIFA per il terzo posto è di 3 milioni di dollari contro i 2,5 che andranno all’Uruguay.

Semmai se  ce ne fosse stato bisogno la gara ha confermato che chiunque si troverà sul suo cammino sia l’Uruguay che l’Italia avrà da sudare le sette camicie per sbarazzarsene. Sono due squadre ostiche.

L’Uruguay deve assolutamente risolvere il problema del portiere.Non si riesce a comprendere il motivo per cui un allenatore esperto come Tabarez insista su un portiere che appare assolutamente non all’altezza di una platea internazionale.Che gli altri portieri con passaporto uruguaiano siamo inferiori ? Figuriamoci….

Per il resto “La Celeste” è una formazione di tutto rispetto.Bloccata in difesa ed a centrocampo,tutta tesa a lanciare il trio d’attacco che appare a livelli di eccellenza mondiale.

Cavani ( due gol contro l’Italia ), Suarez e Forlan giocano a memoria e possono perforare qualsiasi difesa. Per questo motivo non è difficile ipotizzare una nazionale Uruguaiana sempre nei primi posti nei grandi tornei internazionali.Quanto meno nei quarti in occasione dei Mondiali ai quali peraltro la squadra di Tabarez non è ancora certa di partecipare,anzi,potrebbe anche essere costretta a spareggi.

L’Italia ha ottenuto il massimo possibile dalla partecipazione a questo torneo.Contro l’Uruguay ha molto sofferto nel secondo tempo e nei supplementari mentre fino a quando le forze l’hanno sostenuta ( primo tempo) la qualità del gioco azzurro è stata superiore.Insomma non è mai semplice incontrarci.

Quando lo stellone ( contro il Giappone ) ,quando la sofferenza , lo stringere i denti ed i colpi ad effetto ( contro l’Uruguay due pezzi di bravura di Diamanti hanno prima indotto all’errore Muslera favorendo il tocco vincente di Astori,poi un calcio di punizione dello stesso Diamanti ha freddato l’incerto portiere ) insomma ne esce sempre la possibilità in un modo o nell’altro di passare il turno.

Un vero peccato semmai è stato l’infortunio di Balotelli soprattutto perché sarà lui l’elemento chiave per far proprie le partite quindi occorre giocare gare su gare per affinare i meccanismi e le tattiche più adatte a far sì che Balotelli diventi quello che era Riva per la Nazionale anni 70.

 La numerosa spedizione italiana in Brasile torna quindi a casa con un ottimo risultato al di là delle previsioni stessa cosa non può essere detta per ma il gioco espresso .Su quello c’è ancora molto da lavorare.

Semmai desta preoccupazione il numero troppo alto di gol subiti dall’Italia ed almeno due-tre gravi incertezze del portiere Buffon ( anche la punizione di Cavani l’ha sorpreso al centro della porta così come quella di Neymar l’aveva battuto sul suo palo ).

La forza della nostra nazionale è sempre partita dalla solidità difensiva.

Una risposta positiva invece Prandelli l’ha avuta sulla bravura di De Rossi,Candreva e Diamanti sui quali conviene insistere.