\\ Home Page : Articolo : Stampa
BRASILE-URUGUAY 2-1 MUSLERA SBAGLIA E CONSEGNA LA FINALE AL BRASILE. JULIO CESAR SVENTA UN RIGORE
Di Admin (del 26/06/2013 @ 21:54:45, in confederations cup, linkato 1176 volte)

                               

URUGUAY SPRECONE E GENEROSO  BRASILE SALVATO DA JULIO CESAR ( RIGORE DEVIATO ) E DA UNA ERRATA USCITA DI MUSLERA IN FINALE VANNO I CARIOCA CHE VINCONO 2-1

Sarà vero Uruguay? O sarà quello con un Cavani a mezzo servizio ad essere larghi di manica? A parte la fortissima rivalità tra il gigante brasiliano( 200 milioni di abitanti e 5 titoli mondiali di calcio ) ed il piccolo Uruguay ( 3 milioni e mezzo di abitanti e 2 titoli mondiali di calcio compreso quello del 1950 proprio a Rio e proprio davanti al Brasile ) il motivo vero da scoprire in questa prima semifinale della Confederations Cup sta proprio lì.

 A parte la conclamata bravura di Neymar e il livello generale più che discreto della rosa carioca non è mai semplice giocare contro l’Uruguay a patto che i tre là davanti siano in forma.

 Si gioca a Belo Horizonte allo stadio Mineirao capace di oltre 62 mila spettatori arbitro il cileno Osses.

Belo Horizonte è una città di due milioni e mezzo di abitanti capitale del Minas Gerais con moltissimi oriundi italiani.

 Nel Brasile rientra Paulinho e quindi Scolari mette in campo la formazione tipo mentre Tabarez ripropone le tre punte Forlan,Suarez e Cavani.

Dopo 13’ di schermaglie in cui si nota un Uruguay per nulla intimorito ( a proposito le due nazionali si sono affrontate già 70 volte con 32 vittorie per il Brasile e 19 per l’Uruguay ) capita alla squadra di Tabarez la più ghiotta delle occasioni per passare in vantaggio.

Un solare rigore per fallo di David Luiz su Lugano ( trattenuta in area) e battuta dal dischetto affidata a Forlan il cui tiro alla sinistra di Julio Cesar a fil di palo è respinto dal portiere in angolo.Una gran parata, ma Julio Cesar è un gran portiere!

Si getta in avanti il Brasile e cerca di rendersi pericoloso con Hulk e poi con Neymar la cui punizione è alzata in angolo da Pereira. Intanto Cavani è ammonito per aver trattenuto Neymar. L’Uruguay gioca a viso aperto e controlla molto bene la gara.Più difficile del previsto per il Brasile nonostante Oscar cerchi di velocizzare gli attacchi. Al 29’ ancora in mostra Forlan che riceva dalla sinistra e sferra subito un violento sinistro al volo di pochissimo alto!

Forlan con 33 gol segnati ,lo ricordiamo, cerca di raggiungere il suo compagno d’attacco Luis Suarez che di reti ne ha messe a segno 35 con la doppietta a Tahiti.Una bella lotta tra i due che recentemente hanno superato il mitico Scarone che negli anni 1917/1930 aveva segnato 31 gol con la “celeste” .

In questa gara tra l’altro Cavani è anche molto impegnato a cercare di contrastare le discese di Oscar.Un Uruguay insomma molto attento e compatto ha fino ad ora imbrigliato molto bene i carioca.38’ entrata scriteriata di Luiz Gustavo su Rodriguez .Si prende il giallo e gli va anche bene.

40’ questa volta è il Brasile a fare il contropiede e a passare in vantaggio forse nella prima vera occasione avuta.Da centro campo Gustavo lancia profondo per Neymar che controlla bene ed attira fuori dai pali Muslera che respinge, la palla arriva indietro a Fred che in un modo o nell’altro ( mezza svirgolata..) non ha difficoltà a metter dentro la porta spalancata.Uruguay beffato in velocità.

43’ Suarez al tiro da corta distanza.La palla va fuori di un paio di metri. Si va al riposo sull’1-0 per il Brasile ma l’Uruguay ha fatto una bella gara e la partita è del tutto aperta.

Ancora una volta si nota la qualità principale della squadra di Scolari.In un modo o nell’altro il gol arriva sempre…hai detto…..

 Inizio secondo tempo gol di Cavani!Prolungata azione uruguagia d’attacco con la difesa del Brasile che non riesce a liberare .Una sorta di ping pong con dei mezzi errori ora di Tiago Silva ora da terra di Marcelo..il pallone è arpionato dal sinistro di Cavani che con un preciso diagonale non dà scampo a Julio Cesar.

 La gara è ora intensa e bella. Altra bella occasione per l’Uruguay al 21’ quando Suarez riprende di testa una punizione battuta da Forlan .Il suo colpo di testa è sporcato da Silva e per poco non beffa Julio Cesar.

 Intanto Scolari ha messo in campo Bernard al posto di Hulk.

Accelera il Brasile. Da Oscar a Neymar il cui tiro di sinistro è fermato da Muslera. Ancora Brasile al 28’ con un violento sinistro centrale di Gustavo che Muslera blocca. Intanto esce Oscar nel Brasile ,al suo posto Harnanes. Ammonito Marcelo per un fallo su Cavani che al 34’ ha una grande occasione quando davanti a Julio Cesar,servito da Suarez si vede il tiro deviato da Gustavo ad un palmo dal palo e col portiere battutissimo!

 Considerando le occasioni ( anche il rigore parato ) l’Uruguay ha prodotto più del Brasile.

38’ costretto ad uscire Gonzales al suo posto Gargano.

 Segna il Brasile a poco dalla fine  (41') grazie ad un errore di Muslera che su palla d’angolo dice: che faccio,esco o non esco? E si abbassa anche quatto quatto… nella confusione generale in area arriva la testa di Paulinho che insacca.

 Il Brasile ha vinto ed è in finale ma che rabbia per  l’Uruguay! Ha avuto più occasioni ed ha fatto una gran gara ma alla fine un Brasile solo normale è riuscito a vincere.

Ed è proprio qui il problema per tutti gli avversari.Scolari ha una rosa che non potrà che migliorare ed affinare nel tempo per arrivare ai prossimi mondiali e vincerli.Crediamo che l’agilità carioca e la facilità di andare a rete debba essere contrastata da una squadra potente fisicamente e costante negli attacchi.Vorrei  vedere, ad esempio,un Brasile sotto di due gol  contro la Germania per vedere se riuscirebbe a cavarsela....