\\ Home Page : Articolo : Stampa
CHAMPIONS CELTIC-JUVENTUS 0-3 TRIONFO BIANCONERO 44 ANNI DOPO IL MILAN !
Di Admin (del 12/02/2013 @ 21:42:12, in Champions, linkato 1086 volte)

 

                                               

 LA JUVENTUS SPEGNE I CANTI E I CORI DEL CELTIC PARK TRAVOLTO IL CELTIC

Al 1’ tentativo dalla distanza di Wanyama ( uno dei mattatori nella gara vinta dal Celtic per 2-1 contro il Barcellona ) con tiro pericoloso indirizzato all’incrocio con Buffon che non si fida e mette in angolo

E’ la solita atmosfera incandescente al Celtic Park esaurito in ogni ordine di posti.

 Al terzo minuto ed al primo affondo è già in vantaggio la Juventus! Palla lunga per Matri ed errore clamoroso della difesa bianco verde ( Ambrose non colpisce di testa ) il tiro non forte viaggia verso la linea di porta e la supera di poco quando viene respinto, poi arriva in corsa Marchisio che ribatte a rete .Il gol è di Matri.

 Errore difensivo da tramortire un toro!.

 Stadio ammutolito? Macchè.Qui si fanno forti dei 21 successi ottenuti negli ultimi 23 incontri e continuano ad attaccare.

La Juventus non ha che da controllare con calma e colpire al momento giusto. La gara si è messa molto bene.

Tentano ancora Wanyama e Mulgrew ma Buffon è attento.

 Il Celtic cerca di accelerare i ritmi ma la precisione nei passaggi decisivi difetta per troppa foga e scarsa classe di alcuni degli attori.

 La Juventus invece dà l’impressione di controllare a dovere la situazione. La Juventus ha perfettamente accettato il tipo di gioco del Celtic così forsennato e ci si è adattata rispondendo colpo su colpo.Si gioca in un clima incandescente .Il sostegno canoro del pubblico scozzese è incessante.Sono 61 mila ugole che cantano.

27mo Commons al tiro assai pericoloso ma impreciso.Fuori di poco. Al 31mo botta alla caviglia di Vidal che esce per farsi curare.Continua a zoppicare,è pronto Pogba.Piano piano Vidal si riprende.

 Il Celtic tenta il tutto per tutto e la gara è intensa e bella. Si combatte su ogni pallone e l’arbitro lascia giocare anche se alcune scene in area tra Lichtsteiner e Commons sarebbero da censurare oltre il giallo ricevuto.

La Juventus regge brillantemente la spinta pressochè continua ma giocoforza imprecisa degli scozzesi e va al riposo in vantaggio di un gol.

 E’ stato un bel primo tempo con il gioco bianconero condizionato dal gol di Matri.Vincendo non resta che far sfogare i bollenti spiriti a strisce bianco verdi.Non credo sia possibile che il Celtic regga il ritmo anche nel secondo tempo.

 La ripresa inizia con più equilibrio in campo.Sembra essersi affievolita la spinta del Celtic. Diciamola tutta.Gli scozzesi sono una squadra modesta e se scendono di ritmo diventano assolutamente gestibili.

16mo colpo di testa centrale di Ambrose parato da Buffon.Cercava di rimediare all’errore su Matri. 21mo ottima opportunità per Vucinic andato poco convinto al tiro dopo fuga sulla sinistra di Marchisio. 24mo esce Peluso entra Padoin I tifosi scozzesi si entusiasmano ad ogni corner battuto dalla loro squadra ma per la gran parte si tratta di tentativi velleitari.Insomma nel Celtic non c’è un attaccante vero.L’assenza di Samaras è pesante.

 Il gol del 2-0 che chiude la gara e probabilmente la qualificazione arriva al 33mo con Marchisio che chiude in rete una bella triangolazione con Matri dopo una delle tante sceneggiate fatte di spinte tentate e ricevute in area di rigore bianconera.Juventus rocciosa in difesa e micidiale quanto basta in avanti per mettere a nudo tutte le pecche della difesa scozzese. Nulla da dire.Juventus meritatamente in vantaggio ,Celtic solo generoso ma modesto. La gara diventa un trionfo per la Juventus qualche minuto dopo al 38mo con il terzo gol di Vucinic.Anche il Montenegrino scherza con la difesa scozzese dopo essere stato lanciato da Marchisio senz’altro tra i migliori in campo.

 Cade quindi per opera dei bianconeri di Conte uno degli stadi più muniti d’Europa.Il Celtic Park ove sono state scritte pagine di storia calcistica. Dopo 44 anni una squadra italiana torna a vincere in casa del Celtic! Allora fu il Milan di Rivera e Prati a vincere per 1-0 ( di fronte a 76.415 spettatori )  vincendo poi la Coppa Campioni a Londra in finale con il Benfica per 2-1 e con due gol di Altafini.

Ora la Juventus di Conte ha scritto una bella pagina di calcio e senza neppure tribolare molto.Buffon,infatti è stato poco impegnato direttamente mentre le situazioni pericolose sono state molte in particolare nel primo tempo. Ma il Celtic è squadra modesta,lo ripetiamo. Da notare anche come la Juventus non perda da ben 17 gare nelle competizioni della UEFA.