\\ Home Page : Articolo : Stampa
IL FESTIVAL DELLA SALUTE CHIUDE CON IL GOVERNATORE ENRICO ROSSI E UN INCREDIBILE SUCCESSO DI VISITATORI
Di Admin (del 03/10/2011 @ 11:23:15, in FESTIVAL DELLA SALUTE, linkato 1446 volte)

 

FESTIVAL DELLA SALUTE 2011: VIAREGGIO : LA QUARTA EDIZIONE SI CHIUDE CON L'INCONTRO CON IL PRESIDENTE DELLA REGIONE TOSCANA ENRICO ROSSI E CON UN BOOM DI VISITATORI

 Da Viareggio Claudio Cavalsani   

www.festivaldellasalute.it

Si è chiusa ieri la quattro giorni dedicata alla salute presso il Centro Congressi Principe di Piemonte di Viareggio. Un’ edizione caratterizzata dall’apertura agli under 18,ovvero agli studenti delle scuole superiori: quasi 6mila studenti arrivati da tutta Italia. Tra giovedì e venerdì sono stati ben 86 i pullman che hanno fatto tappa davanti al centro congressi per accompagnare i 3400 studenti delle elementari e i 2600 delle scuole superiori provenienti da Toscana, Campania, Emilia Romagna, Liguria e Lombardia che hanno partecipato alle tante iniziative in calendario.

Grande riuscita per l’incontro fra i ragazzi e l’attore Giulio Scarpati, interprete del medico Lele Martini nella fiction Rai “Un medico in famiglia”. Scarpati è stato subissato di domande e si è occupato di tutti i problemi della vita quotidiana .Ha parlato delle difficoltà imposte dai tagli al fondo unico per lo spettacolo, ma anche dell'importanza di affrontare sempre, in televisione, anche i temi della contemporaneità che spesso proprio perché attuali possono sembrare scomodi. “La conoscenza e il dibattito aiutano sempre nella comprensione delle cose – ha spiegato ai ragazzi che lo ascoltavano – pensiamo a quanto le tavole rotonde sull'Aids abbiano aiutato i medici a capire il funzionamento della malattia”.

Un altro incontro gettonato dai ragazzi delle superiori è stato quello con l’ex ct della Nazionale Italiana ,Marcello Lippi. L’allenatore viareggino ha catalizzato la loro attenzione sia per i suoi prossimi impegni come allenatore all’estero sia per il suo modo di intendere la salute, l'importanza del gioco di squadra, la testata di Materazzi a Zidane del 2006, il campionato in corso con richiesta di pronostici su chi vincerà lo scudetto. Nei quattro giorni della kermesse tutti gli stand delle associazioni, dalla ludoteca alla libreria, dagli spazi dell’Asl12 a quelli dell’Asp azienda speciale Pluservizi Viareggio con il progetto di educazione alimentare e sensoriale “A scuola con gusto”, sono stati affollati. Sono state quasi tremila le persone che si sono presentate agli screening gratuiti.

Grande la risposta da parte dei visitatori al servizio che mette a disposizione i principali test in grado di diagnosticare le malattie più diffuse. Erano dieci le diverse tipologie di screening a disposizione dei visitatori: dalla glicemia alle allergie passando per la valutazione posturale, il rischio osteoporosi,il consulto di un reaumatologo, il controllo della glicemia, eseguito dall'associazione Diabete Italia, ed infine le visite odontoiatriche dell'Accademia Chirone in collaborazione con l'Istituto Stomalogico Tirreno . Il loro scopo degli è quello di prevenire le malattie di una comunità permettendo così di giungere ad interventi terapeutici tempestivi ed alla gestione standardizzata della cura in modo da ridurre sistematicamente la mortalità e le sofferenze derivate dalle malattie più diffuse e facilmente diagnosticabili.

Nella giornata conclusiva due sono stati gli eventi più importanti : il primo è stato quello con i comici David Riondino e Dario Vergassola che hanno coinvolto con battute e gag i presenti. Il duo si è cimentato in una lettura di alcuni classici della letteratura latina, da Apuleio e Ovidio, “rivisitati” dai commenti caustici di Vergassola che con la sua ironia brillante non ha risparmiato nessuno, politici in testa.

 Il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi

Poi è stato il momento dell’incontro-intervista con “il padrone di casa” , il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che è stato intervistato da Goffredo De Marchis ,Editorialista di Repubblica.

Sono stati affrontati i temi della politica nazionale,della crisi economica,della finanziaria,quelli relativi alle vicende del Partito Democratico,ma non sono mancati ovviamente quelli relativi al mondo della salute,della sanità e del sociale. Rossi ha affermato “ Se stanno saldamente in mano pubblica i servizi sanitari possono essere meglio programmati”. “Il sistema sanitario pubblico ha dei difetti,anche in esso si crea la rendita, è necessario controllare l’operato dei dirigenti e dei dipendenti.” Ed ha aggiunto :“ Qual’è l’obiettivo della sanità? E’ quello di raggiungere il massimo possibile di servizi che garantiscano la salute non il profitto.” L’editorialista di Repubblica ha voluto affrontare anche il caso del deficit finanziario dell’Asl di Massa e della querelle sul quotidiano Libero con l’onorevole Lucio Barani . Rossi si è difeso dicendo: “Ho chiesto 250 mila euro di danni sia al quotidiano Libero sia all’onorevole Barani perché quando si parla è bene assumersi delle responsabilità. Barani si cela dietro l’immunità parlamentare aspetto che rinunci ad essa e poi verifichiamo se le sue affermazioni sono vere o meno”.Rossi ha rincarato le sue affermazioni:”Chi ha un ruolo pubblico deve avere dentro di sé la disponibilità a sottoporsi alla verifica della giustizia,alla verifica di legittimità su ciò che ha fatto e sulle sue affermazioni se esse sono lesive dell’onorabilità delle persone.” Rossi ha concluso: “ Le mie responsabilità non sono inferiori ad un membro,come Barani,della commissione parlamentare Sanità.Ho scoperto io il buco dell’Asl di Massa,dopo neanche tre giorni,sono andato denunciarlo alla Procura e alla Corte dei Conti. Ho inviato un commissario a rivedere i conti degli ultimi dieci anni di gestione finanziaria dell’Asl, ed è emerso un deficit di bilancio ragguardevole,la maggior parte del quale è stato speso in maniera non controllata in servizi sanitari e chi ha manomesso il bilancio si è riservato ogni anno qualcosa per sé per fare la bella vita.Adesso abbiamo rimesso in pari il bilanco dell’Asl di Massa e questa volta i sindaci revisori hanno fatto la loro parte.Avere tutti i bilanci delle Asl in pareggio è un segno della salute della sanità in Toscana”