\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:AVANTI C’E’ POSTO SENZA SE E SENZA MA…I VICHINGHI HANNO L’AUTORIZZAZIONE ALLO SBARCO..SARA’ IL PRIMO DI MOLTI E RIAPRE LA CORSA A FAR DI COOPERATIVA TRA PROMESSE EUROPEE SOLO SULLA CARTA.
Di Admin (del 14/09/2019 @ 16:36:29, in Critica politica, linkato 78 volte)




ALLORA LO SBRACO E’ RIPRESO!


 L’Italia ha assegnato il “ PLACE OF SAFETY”, ma PARLANDO COME SI MANGIA il posto di sicurezza,il porto sicuro alla Ocean Viking: LAMPEDUSA!




L’abbiamo sempre detto e sempre lo diremo.Le ONG le vediamo come il male assoluto in tema di immigrazione clandestina.Sono “CROCIATI” di una faziosità cieca che alimentano con la loro presenza in acqua GLI AFFARI DI CHI SPECULA sulle migrazioni NON DA FAME O CARESTIA O GUERRA ma di chi attirato da quello che vede in Tv ,spera di trovare da noi:IL BENGODI.


 Con il cambio di governo era chiaro che le cose in tema di clandestini cambiassero subito.

Non c’è stato neppure bisogno della solita FALSA TIRITERA dell’emergenza a bordo, di quelli che esasperati si tirano in acqua,di scorte di cibo esaurite, di vento impetuoso,mare agitato,ed altre PANZANE delle quali ci hanno scassato le palle per la credulità di chi ha le mani in pasta.



 NO! Ora con i senza se e senza ma di Zingaretti siamo a posto.Entrate pure tutti ,anzi ci sarà da inventarsi qualche ONG in più.


 La Commissione europea sta studiando un meccanismo attraverso il cui utilizzo un 10% dei clandestini resterebbe da NOI IN ITALIA, un 25% a testa per Francia e Germania ed il restante agli altri.

 Altri chi? Verrà stabilito al vertice dei Ministri dell’Interno previsto per il 23 prossimo a Malta.

 Ci sarà da crederci?

Ma anche se così fosse l’Italia dovrà sobbarcarsi il via vai di navi delle ONG che a frotte si raduneranno in zona libica. Prendiamola così: sarà un bell’argomento di polemica per Salvini e per chi non vuole che riprenda l’ondata di sbarchi incontrollati e la contemporanea ricerca di “istruttori” per quei poveri cristi di 1,85 x 90 kg che andranno a far danni nelle nostre periferie.