\\ Home Page : Articolo : Stampa
INTERVISTA A GIANFRANCO ANTOGNOLI, DIRETTORE GENERALE MPS LEASING & FACTORING
Di Admin (del 10/11/2009 @ 13:16:45, in PERSONAGGI, linkato 2917 volte)

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

 

 Intervista a Gianfranco Antognoli, direttore generale di MPS Leasing & Factoring. ....."Ripercorriamo brevemente la storia di MPS Leasing e Factoring. Da quando è nata a oggi. Nel dicembre del 2001, il Gruppo Montepaschi presente da oltre venti anni in questo specifico settore operativo, crea MPS Leasing e Factoring, Banca per i Servizi Finanziari alle Imprese, quale centro di eccellenza specializzato nello sviluppo e nell'offerta di prodotti Leasing e Factoring. La nuova Banca nasce dalla fusione per incorporazione delle diverse Società del Gruppo operanti nel settore e dal conferimentodei rami d’azienda leasing e factoring della Capogruppo. Quindi fa leva per il suo successo sui valori e la storia della Banca Monte dei Paschi, sull'esperienza specifica sino ad oggi conseguita, sulle relazioni consolidate dalle Banche del Gruppo con i propri clienti e sull'innovazione all'interno della propria filiera roduttiva. MPS L&F è stata la prima banca con un’offerta di pacchetti integrati leasing e factoring che soddisfa la generale domanda di finanziaento delle aziende. Qual è il vostro cliente tipo? MPS L&F è strutturata, grazie alle oltre 3000 filiali bancarie del Gruppo Montepaschi a cui appartiene, per poter seguire con la massima attenzione qualsiasi tipologia di leasing e di qualsiasi importo. Tuttavia il cliente tipo si può individuare nel settore delle piccole e medie imprese che sono le più diffuse nel nostro Paesee che da sempre rappresentano il segmento di riferimento del Gruppo Montepaschi. Ulteriori segmenti di clientela possiamo individuarla nei liberi professionisti e più in generale tutta quella clientela che dtiene la partita iva. CI illustri brevemente cosa sono il leasing e il factoring. Il leasing è un finanziamento tipico a medio]lungo termine. È associabile, dal punto di vista tecnico, al mutuo, con dei vantaggi rispetto a questo in quanto, ad esempio, finanzia il 100% dell'opera iva inclusa. Il factoring è un finanziamento di breve termine; è un credito di “funzionamento” che consente all'azienda di anticipare le riscossioni dei propri crediti dando quindi capitale circolante da utilizzare immeditamente nel ciclo produttivo. Ci sono forme poi dove il rischio di insolvenza passa a rischio della banca, quindi si tratta anche di un'assicurazione del credito (factoring pro soluto). Dalla finanziaria 2007 è stata introdotta la possibilità per la pubblica amministrazione di avvalersi del leasing per la realizazione, l'acquisizione o il completamento delle opere pubbliche. Cosa è cambiato per voi da allora? La Banca si è strutturata per poter operare in questo particolare settore. È stato creato un apposito ufficio che si occupa della verifica dei bandi, della preparazione delle gare e di tutti i conseguenti adempimenti. Quali sono i vantaggi per la pubblica amministrazione di ricorrere al leasing? In primo luogo occorre evidenziare come il leasing rappresenti una alternativa ad altre forme di finanziamento. I vantaggi principali possono essere sommariamente riassunti nel risparmio in termini di tempo e di costi derivante dalla predsposizione di una unica gara per la selezione sia del soggetto realizzatore che di quello finanziatore, la forte selezione dei partecipanti alla gara in termini di affidabilità, solidità e capacità costruttiva, l’opportunità di realizzare opere pubbliche necessarie senza incidere pesantemente nella voce indebitamento dei bilanci della ubblica Amministrazione. Nel caso si ricorra al leasing per un'opera pubblica, vi sono 3 soggetti: le pubbliche amministrazioni, la società di leasing e la società costruttrice. Come si articola il rapporto tra loro? La società di leasing e l’impresa costruttrice si presentano in gara come Associazione Temporanea di Impresa e producono un’unia offerta comprendente sia la parte tecnica che quella economica. Una volta aggiudicata la gara viene stipulato un contratto di leasing fra la società finanziatrice e la stazione appaltante ch contemporaneamente riceve un mandato, dalla stessa società di leasing, affinché possa stipulare un contratto di appalto con il costruttore. In questo modo, la stazione appaltante nomina la Direzione Lavori e mantiene il proprio ruolo di controllo nella realizzazione dell’opera. La società di leasing provvederà al pagamento degli Stati Avanzamento Lavori prodotti dal costruttore fino al momento della cosegna dell’opera. Da questo momento l’Ente provvederà a pagare i canoni di leasing rimborsando capitale ed interessi mentre sarà estinto il rapprto leasing]costruttore. Quali sono le garanzie per la pubblica amministrazione? Nel leasing la garanzia è costituita dalla proprietà del bene. Quindi se ad esempio facciamo un leasing in costruendo per la realizzazione di una scuola, noi siamo i proprietari della scuola per tutto il periodo del finanziamento; al concludersi del quale la scuola viene riscattata dal comune come previsto nel contratto. Ovviamente noi siamo proprietari, ma non i possessori. Il possessore rimane la PA che utilizza il bene. Vi sono diversi dubbi e difficoltà presenti e potenziali da parte dei comuni riguardo allo strumento leasing. Qual è il vostro punto di vista? Occorre continuare nella formazione e diffusione della conoscenza del prodotto. Da un punto di vista tecnico lo strumento presenta ancora alcune lacune in parte derivanti dalla mancanza del regolamento attutivo del Codice degli Appalti ed in parte dal fatto che non tutte le opere richieste dalla PA si prestano, per loro natura, ad essere oggetto di contratti di leasing. Quale può essere il panorama futuro per il leasing rivolto alle opere pubbliche? L'innovazione legislativa è recente e, come accennavo prima, ci sono delle normative secondarie e delle circolari da armonizzare; questo perché è evidente che il soggetto pubblico ha delle implicazioni nella sua attività diverse dal soggetto privato. Ribadisco che il leasing è una forma di finanziamento complementare e non sostitutivo di quelli più tradizionali: è uno dei modi per soddisfare il bisogno di opere pubbliche anche “fredde”, come si definiscono quelle che non producono reddito (ad es. scuole, caserme, palestre, piscine); la nostra storia di “Banca del Territorio” ci consente di guardare anche nel leasing come nel factoring a chi detiene il governo del territorio. Il Gruppo Montepaschi, infatti, può aiutare, da una parte gli investimenti e le aziende costruttrici con il leasing, e dall’altra facilitare la riscossione dei crediti, con il factoring, quando il debitore ceduto è lo Stato o altri enti pubblici territoriali o economici. Noi come “banca prodotto” MPS Leasing & Factoring, abbiamo questa missione e intendiamo continuare a svolgerla nello spirito di concorrere alla realizzazione del piano industriae del nostro Gruppo, terzo polo bancario del paese."....