\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:PROVA DEL NOVE DOMANI AL SENATO PER SALVINI SUL DECRETO SICUREZZA BIS PRIMA DI UN AGOSTO IN GIRO PER L’ITALIA A FAR CRESCERE I CONSENSI CON IL PD CHE MASTICA AMARO
Di Admin (del 04/08/2019 @ 22:15:45, in Critica politica, linkato 123 volte)


E continuano i “giornaloni” di sinstra a criticare il modus operandi di Salvini..

Non c’è verso,il suo successo tra la gente gli resta sul gozzo, sono nel panico dell’odio profondo e nonostante l’invio di giornalisti d’assalto e provocatori vari non ce la fanno a scalfirlo.

 Sperano con tutte le forze che domani in Senato succeda qualcosa che vada a loro vantaggio.



                                                       

 Sono 3 giorni almeno che scrivono articolesse dallo stesso tono: “Salvini,un’estate da campagna elettorale” “Salvini,devi tornare al Viminale” “ La repubblica del Papeete” “ disprezzo per la libertà di informazione” “Salvini fa il DJ tra le cubiste”e giù masticando amaro e c’è anche una cronista di Repubblica che lo invita a farsi un paio di settimane di vacanza nelle valli bergamasche….( capito, decide Lei dove deve andare Salvini! N.d.r.)

 Tra l’altro per Salvini si prospetta un agosto in giro per l’Italia con una serie di appuntamenti già fissati dal Lazio alla Sicilia ovviamente alla ricerca di voti in vista della spallata finale…

 E a proposito di spallata finale esilarante l’ultimo sondaggio di Spot and Web che ha chiesto alla gente:”vorreste Matteo Salvini come vicino di ombrellone?” Ebbene il 55% ha votato sì

La Lega,invece, attualmente viene data vicino al 38% !

 In attesa dell’approvazione del decreto sicurezza bis che dovrebbe metterci al riparo definitivamente dalle ONG che con la loro presenza in mare facilitano le manovre degli scafisti arriva in aiuto degli indecisi del M5 Stelle o dei dissidenti già dichiaratisi anche l’appello di Don Ciotti che ha detto: Non votatelo è aberrazione giuridica”



 E ci si mettono anche i “giornalisti impegnati” come Molinari Direttore de la Stampa di Torino a pontificare come sia in atto una minaccia grave allo Stato di Diritto dovuta ad una contrapposizione sempre più forte tra gli estremismi di destra e di sinistra.

I due estremismi dice Molinari hanno in comune IL DISPREZZO PER L’AVVERSARIO che dellegittimano in ogni modo anche con l’uso dei social network,con narrative basate sul conflitto e non sulle proposte. Si crea una intolleranza crescente che spinge sempre più elettori moderati a scegliere di schierarsi su uno o l’altro dei fronti.

 Interessante analisi quella di Molinari.

 Che si chiede anche come ci si possa liberare dalla trappola degli opposti estremismi

.La risposta dice Molinari non può che essere quella della responsabilità dei cittadini,del loro valore, cittadini che non devono voltarsi dall’altra parte quando un leader politico insulta un qualsiasi individuo,diventando cosi ,ingranaggio della macchina dell’intolleranza.

 Ebbene la nostra politica E’ ESSENZIALMENTE BASATA SU UNA LITE CONTINUA SU SCAMBI DI ACCUSE COSTANTI…


 Caro Molinari l’esito sembra scritto…. A meno che….