\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:TRA PREPOTENZE ASSORTITE E TENTATIVI DI SPERONAGGIO FINALMENTE LA CAROLA RACKETE E’ STATA FERMATA MA COME FINIRA’? ORA CI SI APPELLA ALLA LEGGE DEL MARE!
Di Admin (del 29/06/2019 @ 15:32:34, in critica politica, linkato 118 volte)


    


Francamente non vorremmo più vederla quella faccia tra lo smunto e lo sprezzante appartenente a Carola Rackete, comandante della nave-taxi Sea Watch 3 appartenente alla ONG tedesca dall’omonimo nome.

 Ora si trova ai DOMICILIARI in attesa di interrogatori vari con sulle spalle POSSIBILI PESANTI CONDANNE PENALI che,ne siamo certi, le verranno evitate in nome di FANTOMATICHE ED UTILI A SECONDA DEGLI INTERESSI ,SUPREME LEGGI DEL MARE…


 A chi ha avuto la “ventura” ( s ? ) di seguire fino a notte fonda la diretta proposta da qual canale RAI tra i più faziosi vale a dire RAI NEWS 24 si sarà reso conto come ad un certo punto non potendo più negare tutte le prepotenze messe in atto dalla Rackete ( UNA DELLE QUALI AI LIMITI DELL’ATTO DI GUERRA, QUANDO HA STRETTO ALLA BANCHINA DEL PORTO LA PICCOLA MOTOVEDETTA DELLA GUARDIA DI FINANZA ) si sia subito appellato ALLA SUPREMA LEGGE DEL MARE..

 Quel conduttore dalla faccia un pò cosi' distanziando le parole una dalle altre per farsi meglio intendere dalla sodale al porto, continuava a voler giustificare GLI ATTI FUORILEGGE perpretati dalla Rackete in base alla LEGGE DEL MARE.

 Stomachevole!

 Cosi come INDECENTE la presenza a bordo di quegli squallidi personaggi del PD di Leu, di Articoli 1 e + Europa.

 SONO ALLA FINE SBARCATI I 40 A BORDO e cosi sia. Vadano dove vadano ed auguri.

Ma la vicenda SEA WATCH 3 E’ GRAVE.

 In tutto il panorama di dichiarazioni tra false verità ( profughi allo stremo… quali profughi,questi hanno pagato fior di quattrini- mari in tempesta: mai visto il mare cosi piatto) prese di posizione di parte, ritardi della Magistratura nell’intervenire pur in presenza di comportamenti palesemente fuorilegge, le uniche parole da dover condividere sono quelle di Giorgia Meloni: attuare un blocco navale davanti alla zona sar libica e SMANTELLARE LA SEA WATCH 3 che ora è sotto sequestro al largo di Lampedusa.



 
ALMENO IN QUESTI GIORNI ABBIAMO AVUTO LA CONFERMA CHE L’EUROPA E’ SEMPRE LA STESSA, CHE L’OLANDA SI E’ COMPORTATA COME LA PEGGIOR NEMICA E CHE COME SIA NECESSARIO SUPERARE DUBLINO E QUELLO SCELLERATO ACCORDO RENZI-OPERAZIONE SOPHIA

Le sinistre hanno la loro eroina ma cascano male questa volta.



Questa “insignificante” Carola Rackete se ne sbatte altamente della loro “solidarietà pelosa” Lei passando tra tesi sugli albatros e viaggi sui rompichiacci ha imparato a veder le cose dall’alto ed ad essere fredda nelle decisioni.Lei è SOVRANAZIONALE nell’essere FUORILEGGE
.

 Ha poi in Riccardo Magi di + Europa ( amico con la Bonino dei vari Soros..) chi la rassicura circa possibili condanne.Dice Magi: non ci sono mai state per le ONG!

 Forse è anche per quello che stanotte ha cercato di STRIZZARE AL MOLO la motovedetta della GDF! Potrebbe essere quella la PISTOLA FUMANTE utile per una DOVEROSA CONDANNA!

 Ma è capitata bene.Siamo in Italia. E c’è la legge DEL MARE!

Non siamo forse noi il Paese con più bandiere blu ?

PS:una cosa nella squallida vicenda mi ha consolato.

Stanotte in banchina a Lampedusa non c’èra soltanto la solita claque dei buonisti in servizio permanente ed effettivo, ma anche un drappello di persone che protestavano contro l’ingresso in porto della nave.E’ segnale importante.

 Al momento Carola Rackete ( arresti domiciliari ! ) è accusata  di resistenza o violenza contro nave da guerra, reato che prevede una pena dai 3 ai 10 anni di reclusione.Per la vicenda del tentato speronaggio alla banchina del porto con la motovedetta della GDF Udienza di convalida dell’arresto: nei prossimi giorni Quindi nessun passaggio in carcere ad Agrigento. Campa cavallo….

.Vediamo se il GIP convaliderà il provvedimento. Oltre alla sanzione pecuniaria di 20 mila euro ( se ne fanno un baffo…) in base al Decreto sicurezza bis, la nave è stata sequestrata ed andrà a Licata.