\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere: DA DOMANI SI INIZIA A SGOMBRARE IL CARA DI MINEO MENTRE IL FMI CI METTE IN GUARDIA E QUESTO NONOSTANTE SANREMO DI CUI NON CI FREGA NULLA
Di Admin (del 06/02/2019 @ 19:23:47, in Critica politica, linkato 76 volte)
Noi proseguiamo imperterriti a scrivere di cose serie nonostante SEMBRI ( così lo vogliono far passare…) che il PAESE sia SOSPESO perché c’è il Festival di Sanremo.

Un avvenimento CHE CI INTERESSA MENO DI ZERO!

 Chi ci segue certamente il cervello all’ammasso dei vari media e tv con le mani in pasta all’affare,non ce lo mette..


Getty images

 Oggi è anche arrivato il monito della Gasperini in gonnella vale a dire di Christine Lagarde del Fondo monetario internazionale che ha detto
: su quota 100 si rischia l’aumento dei costi pensionistici e sul reddito di cittadinanza si rischia di creare un disincentivo al lavoro.

 C’è il timore che l’Italia sia vulnerabile se dovesse arrivare una nuova perdita di fiducia da parte del mercato. C’è il grosso timore da parte del FMI che soprattutto al sud dove il costo della vita è più basso la misura del reddito di cittadinanza possa creare una “dipendenza dal welfare”

Vedremo.In effetti timori in questo senso ci sono,eccome.



 Intanto un inizio di buona notizia. Il più grande centro di accoglienza d’Europa,il Cara di Mineo ,ricavato dalla zona degli ex alloggi USA di Comiso e Sigonella,arrivato ad ospitare anche 4000 migranti comincia a perdere i pezzi..

 Non dimenticando che sulla gestione del CARA di Mineo si sono susseguite inchieste su inchieste essendosi creata una vera e propria industria dell’immigrato ,non senza risvolti inquietanti legati alle attività della mafia nigeriana con spacci vari.

 Ebbene da domani 7 febbraio e con cadenza di 10 in 10 giorni dagli attuali 1.244 ospiti si dovrebbe scendere di 50 alla volta per ARRIVARE entro febbraio a 1.094

. Ed è già un buon inizio. Entro il 2019 ha detto Salvini la struttura va chiusa.

 Circa i 400 addetti che perderanno il lavoro non ci dovrebbe essere problema.

E’ in arrivo il reddito di cittadinanza.