\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere: VERGOGNOSO ED OFFENSIVO PARALLELO FATTO DA MOAVERO MILANESI TRA I NOSTRI MIGRANTI MORTI IN BELGIO 62 ANNI FA E I MIGRANTI AFRICANI CHE ARRIVANO DA NOI MANTENUTI
Di Admin (del 09/08/2018 @ 19:50:51, in Critica politica, linkato 168 volte)




Come si fa a stare zitti su quanto accaduto ieri 8 agosto ricorrenza della tragica esplosione a Marcinelle ( Belgio ) che l’8 agosto del 1956 costò la vita a nostri 136 connazionali là migrati per lavoro?


 E’ stata la più grande tragedia del lavoro italiano all’estero

.Là in Vallonia ci appellavano con la parola “macaroni”


Le parole del Ministro degli Esteri Moavero Milanesi hanno creato giusta indignazione in esponenti della Lega e di Fratelli d’italia



Ha detto il Ministro tra l’altro: «Siamo stati una nazione di emigranti ,siamo andati stranieri nel mondo cercando lavoro», e bisogna ricordarlo «quando vediamo arrivare in Europa i migranti della nostra travagliata epoca».

 Il capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia Francesco Lollobrigida
ha detto: «Gli Italiani che emigrarono hanno portato lavoro e qualità e chi ci ha ospitato ha preteso che rispettassimo fino all’ultima regola, perseguitando correttamente chi non lo fece. Il richiamo di Moavero o è inutile o è fuorviante rispetto alla necessaria azione per impedire una invasione di clandestini che con gli emigranti italiani non c’entra nulla
 Il ministro degli Esteri eviti paragoni impropri e offensivi "

Da parte leghista il commento dei capigruppo a Camera e Senato, Molinari e Romeo è il seguente«Paragonare gli italiani che sono emigrati nel mondo, a cui nessuno regalava niente né pagava pranzi e cene in albergo, ai clandestini che arrivano oggi in Italia è poco rispettoso della verità, della storia e del buon senso»
.

                                                 

 E nonostante la solita CANEA BUONISTA dei piddini e dei sodali sempre più fuori luogo ed insensata non si può fare a meno di notare LE STRIDENTI DIFFERENZE TRA I DUE CASI messi sullo stesso piano.

I nostri migranti andavano a lavorare in miniera ,venivano ghettizzati In base all’accordo fatto dal nostro Governo con Bruxelles l’Italia mandava in Belgio forza lavoro ed in cambio avrebbe dovuto ricevere carbone ( 200 kg a lavoratore) Questi africani che arrivano sulle nostre coste sono giovani e giovanissimi che hanno pagato trafficanti di uomini e vengono accolti,curati,rifocillati,pagati ed ospitati anche in alberghi ed il tutto a nostre spese. Noi esportavamo braccia per lavorare in miniere senza sicurezza alcuna ed il Paese riceveva carbone,ora questi arrivano con le magliette date dalle ONG non portano nulla se non richieste ,pretese e diritti.



    

 Appare evidente come il solo accostamento dei due fatti sia RIPUGNANTE ED OFFENSIVO per i nostri connazionali morti in Belgio.

 Altro che propaganda!

 Ancora una conferma se ce ne voleva un’altra del completo distacco tra Forza Italia espressione del Moavero pensiero e quello della Lega.

 Spero che se ne trarrà conto al momento delle decisioni autunnali.