\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere: IL GOVERNO GENTILONI CHE NON SI E DIMESSO CON IL FAVORE DEL COLLE OGGI HA SUBITO UN PRIMO SMACCO!UNA TELEFONATA TRA RENZI E SALVINI ( PARE ) HA STOPPATO IL DECRETO CONFERMA SERVIZI SEGRETI
Di Admin (del 21/02/2018 @ 20:55:34, in Politica critica, linkato 342 volte)



                                          


La lunga strada per la conferma “coram populi” di Gentiloni come premier iniziata da tempo, avvalorata dalla visita recente alla Merkel,con gli “endorsment” di Prodi ieri e di Napolitano oggi ha subito un inatteso passo falso oggi con l’accordo ( PARE..) RENZI-SALVINI e Forza Italia d’accordo che ha impedito al Governo di riconfermare con decreto per due anni gli attuali vertici dei Servizi Segreti.

 Non è cosa da poco. Vuol dire che qualcuno si vuol giocare le proprie carte anche in disaccordo con quanto vanno sperando e spingendo l’Europa-matrigna ed i vari potentati economico finanziari.( ed il Colle )

Ricordiamo anche la assoluta novità di un Governo in piena azione a Camere sciolte.Gentiloni infatti non si è dimesso.Si tenderebbe insomma a perpetuare alla faccia degli elettori,una sorta di primato del “votato da nessuno”, si vorrebbe dare già una indicazione per il dopo..Guardate come è bravo Gentiloni, come è apprezzato, come è stimato in Europa-matrigna! Perché non lo facciamo continuare? E Berlusconi si è detto d’accordo…


 E figurarsi il vero arbitro di cui tutti sempre si scordano! Il Presidente della Repubblica!



 E allora sotto con il Governo Gentiloni benedetto da Mattarella e via con decisioni e decreti. Quello di oggi sui servizi segreti gli è andato di traverso! Troppo Gentiloni a quanto pare comincia a disturbare qualcuno.

Tornando ai Servizi Segreti di proroga se ne parlerà dopo le elezioni e chissà come saranno cambiate le cose.

L’architettura perfetta del disegno Colle-Europa-matrigna- finanza tutta volta alla riconferma di Gentiloni avrebbe quindi subito una picconata! E chi poteva dargliela se non un colpo d’ala dei due Matteo?

 La notizia è stata rilanciata dall’Huffingtonpost.it